Un osservatorio sull’accessibilità per le persone sorde

Ad avviarlo è stata la Sede Centrale dell’ENS (Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza dei Sordi), quale supporto nel monitoraggio, nella redazione di linee guida e progetti, nella partecipazione a eventi, attività di ricerca e altre azioni, aventi come oggetto la definizione e la diffusione di buone prassi per l’accessibilità e l’abbattimento delle barriere della comunicazione per le persone sorde

Particolare di orecchio di persona sordaSupportare la Sede Centrale dell’ENS (Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza dei Sordi) nel monitoraggio, nella redazione di linee guida e progetti, nella partecipazione a eventi, attività di ricerca e altre azioni, aventi come oggetto la definizione e la diffusione di buone prassi per l’accessibilità e l’abbattimento delle barriere della comunicazione per le persone sorde: sarà questo il compito del nuovo Osservatorio sull’Accessibilità, organismo recentemente costituito da parte dell’ENS.

«L’intento – spiegano i promotori dell’iniziativa – è quello di costituire un gruppo di lavoro dinamico e operativo, in grado di tenere il passo con il continuo evolversi del Terzo Settore e di diventare un punto di riferimento, per la struttura organizzativa ENS, per le altre Associazioni e le Istituzioni, in relazione alle tematiche dell’accessibilità (ambientale, dei servizi, del web ecc.), riferite a ogni contesto della vita quotidiana delle persone sorde».

Responsabile dell’Osservatorio è il consigliere direttivo dell’ENS Giuseppe Corsini, referente del progetto è invece Amir Zuccalà dell’Ufficio Studi, Progetti e Formazione dell’ENS. Gli altri componenti del gruppo di lavoro sono Consuelo Agnesi, Sanzio Antonioni, Carlo di Biase, Valentina Foa, Humberto Insolera e Lia Rusca. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: progetti@ens.it.
Stampa questo articolo