Un servizio per le persone sorde in caso di emergenze

Bella iniziativa e senz’altro da riproporre anche altrove, quella sollecitata a Perugia dalla FIADDA dell’Umbria (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), che a partire dal mese di aprile vedrà l’attivazione di un servizio di SMS e fax, in collaborazione con la Questura della città, per consentire di agire più tempestivamente in caso di emergenza riguardante le persone sorde

Particolare su orecchio di uomo sordoÈ stata la FIADDA Umbria (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi) a sollecitare – tramite il proprio vicepresidente Stefano Panicale – un utile servizio, per i casi di emergenza riguardanti le persone sorde, che verrà avviato a Perugia dal prossimo mese di aprile, in collaborazione con la Questura della città.

È lo stesso vicepresidente della FIADDA umbra a spiegarne le caratteristiche: «Basterà compilare un modulo da richiedere alla nostra associazione, con le generalità del richiedente, che consentiranno al personale del Pronto Intervento di agire più tempestivamente in caso di emergenza e che verranno recapitate alla Questura; una volta poi che il servizio sarà effettivo, basterà un SMS o un fax recapitato a un numero dedicato in Questura, a fare scattare da parte della Polizia di Stato tutti i controlli e gli interventi atti a rintracciare la persona in difficoltà e a soccorrerla».

Nata nel 2007 da un gruppo di ventisette genitori di bambini e ragazzi audiolesi, la FIADDA Umbria lavora per discutere e impostare tutte le iniziative utili al recupero delle persone audiolese e al rispetto dei loro diritti (diagnosi precoce; protesizzazione; riabilitazione; integrazione nella scuola, nel lavoro, nella società), sensibilizzando l’opinione pubblica, gli organi legislativi e amministrativi su tali problemi, oltreché sollecitando soluzioni anche a livello legislativo.
Si impegna inoltra a favorire lo sviluppo culturale delle persone con audiolesione e l’abbattimento delle barriere culturali e di comunicazione, collaborando con varie altre organizzazioni. (S.B.)

Ringraziamo per la segnalazione il Centro per l’Autonomia Umbro, sede anche della FISH Umbria (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Per ulteriori informazioni, contattare la FIADDA Umbria tramite SMS (347 9566191) o all’indirizzo claudio.mariottini@tin.it.
Stampa questo articolo