Autoscuole e clienti con disabilità: per un servizio sempre più qualificato

Offrire un servizio qualificato al cliente con disabilità, sia dal punto di vista relazionale che normativo, in particolare sulle agevolazioni previste per la disabilità, dall’immatricolazione al collaudo per gli adattamenti e gli ausili alla guida e altro ancora: è questo l’obiettivo del progetto di formazione denominato “UNASCAbile”, che prenderà il via in Friuli Venezia Giulia il 14 aprile – esattamente a Casarsa della Delizia (Pordenone) – per riproporsi poi in altre Regioni, coinvolgendo i titolari e il personale degli Studi di Consulenza Automobilistica e delle Autoscuole associate all’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica). Quest’ultima – che fornirà ai partecipanti il logo “UNASCAbile”, da esporre nelle proprie sedi – si è avvalsa anche della collaborazione della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)

Persona con disabilità sale in un'autoSi chiama UNASCAbile ed è un progetto che sta per prendere il via in Friuli Venezia Giulia, a cura dell’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), che si è avvalsa del sostegno del Centro Studi Cesare Ferrari – ente di ricerca e formazione  sulla circolazione  e sui trasporti, patrocinato dalla stessa UNASCA – oltreché della collaborazione della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

L’iniziativa consiste nella formazione tecnica, amministrativa e culturale rivolta ai titolari e al personale degli Studi di Consulenza Automobilistica e delle Autoscuole associate all’UNASCA. «Una formazione specifica – come spiega Francesco Osquino, incaricato di quest’ultima per il Friuli Venezia Giulia – per offrire un servizio qualificato al cliente con disabilità, sia dal punto di vista relazionale che normativo, in particolare sulle agevolazioni previste per la disabilità, dall’immatricolazione al collaudo per gli adattamenti e gli ausili alla guida e altro ancora».
Il primo incontro, dunque, di questo progetto formativo nazionale, è previsto – come detto – in Friuli Venezia Giulia, ed esattamente sabato 14 aprile a Casarsa della Delizia (Pordenone) (Ristorante “Al Posta”, ore 9-13), per poi essere riproposto in altre Regioni. Agli aderenti verrà consegnato un attestato di partecipazione e il logo UNASCAbile da esporre presso le proprie sedi.

«Con UNASCAbile  – sottolinea ancora Osquino – intendiamo promuovere nel mondo dei nostri associati un’attenzione costante nel tempo rivolta alle persone con disabilità, valorizzando così il ruolo già tenuto nel tessuto sociale da queste imprese per la circolazione di veicoli e conducenti. Si tratta di un primo, importante passo verso la creazione di un osservatorio permanente sulle norme riguardanti la mobilità dei disabili (rinnovo patenti, tassa di proprietà, collaudi per trasformazione veicoli, agevolazioni varie ecc.) e sulla loro effettiva applicazione, grazie alle esperienze vissute giornalmente su tutto il territorio nazionale. Una rete di imprese, quindi, in grado informaticamente – grazie anche a un forum dedicato – di veicolare le informazioni tra gli aderenti al progetto, riconoscibili, tra l’altro, da parte dell’utenza, attraverso l’apposito logo».
Da segnalare infine che all’incontro del 14 aprile a Casarsa della Delizia, parteciperanno esponenti dell’UNASCA, della FISH, del Centro Studi Cesare Ferrari e di Fiat Autonomy, ma verranno coinvolte anche le Aziende per i Servizi Sanitari, l’Associazione Down FVG di Pordenone e l’Associazione Laluna di San Giovanni di Casarsa. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: f.osquino@unasca.it.
Stampa questo articolo