Disabilità e guida: cresce la cultura

Ottimo l’esito, il 14 aprile scorso, a Casarsa della Delizia (Pordenone), del primo seminario organizzato nell’ambito del Progetto “UNASCAbile”, promosso dall’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), con la collaborazione della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). Scopo dell’iniziativa – alla quale ne seguiranno altre analoghe, in diverse Regioni – è quello di fornire una formazione specifica agli Studi di Consulenza Automobilistica e alle Autoscuole, per un approccio sempre più appropriato nei confronti dei clienti con disabilità

Il tavolo dei relatori all'incontro di Casarsa della Delizia (Pordenone)Avevamo presentato nei giorni scorsi (se ne legga cliccando qui) il primo seminario organizzato nell’ambito del Progetto UNASCAbile, promosso dall’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), con il sostegno del Centro Studi Cesare Ferrari – ente di ricerca e formazione  sulla circolazione  e sui trasporti, patrocinato dalla stessa UNASCA – e la collaborazione della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).
«L’iniziativa – come aveva spiegato Francesco Osquino, incaricato dell’UNASCA per il Friuli Venezia Giulia – consiste nella formazione tecnica, amministrativa e culturale rivolta ai titolari e al personale degli Studi di Consulenza Automobilistica e delle Autoscuole associate alla nostra organizzazione, una formazione specifica, per offrire un servizio qualificato al cliente con disabilità, sia dal punto di vista relazionale che normativo, in particolare sulle agevolazioni previste per la disabilità, dall’immatricolazione al collaudo per gli adattamenti e gli ausili alla guida e altro ancora».
Da segnalare inoltre che i professionisti vicini al progetto esporranno anche il logo dello stesso sulle proprie sedi.

Il primo seminario – al quale ne seguiranno altri, in diverse Regioni – si è dunque tenuto il 14 aprile a Casarsa della Delizia (Pordenone), avvalendosi di due testimonial d’eccezione, come Daniele Molmenti – campione del mondo di kayak nel 2010 e campione europeo in carica – e Pamela Pezzutto – che nel tennis tavolo ha conquistato due medaglie d’argento alle Paralimpiadi di Pechino nel 2008 – i quali hanno partecipato a un video promozionale dell’iniziativa, presentato in apertura dell’incontro (lo spot sarà presto visibile sia cliccando qui che qui).
Sono poi intervenuti Daniele Ferraresso e Pamela Franceschetto, affrontando il tema dell’autonomia delle persone con disabilità e del più corretto approccio a queste ultime, con il supporto del filmato intitolato Up-Down.
Successivamente Francesco De Caro ha descritto le modalità e la modulistica da produrre per ottenere l’esenzione dal bollo, mentre a concludere il seminario, in rappresentanza della FISH, è stato Antonio Ridolfi, che ha intrattenuto a lungo i presenti, spaziando su varie tematiche, e in particolare soffermandosi su quali categorie di persone con disabilità abbiano diritto all’esenzione IPT (Imposta Provinciale di Trascrizione), quali alla riduzione dell’IVA sugli acquisti, oltreché sulle modalità di allestimento dei veicoli e sulle commissioni mediche per le patenti. Il tutto arricchito anche dall’illustrazione di una serie di casi concreti. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: f.osquino@unasca.it.
Stampa questo articolo