Quei bimbi di Mestre sanno già cosa vuol dire accessibilità

Bendati o fatti sedere in carrozzina, i bimbi di alcune scuole di Mestre hanno potuto apprendere in modo ludico che cosa significhi superare un ostacolo per una persona che non vede o che ha difficoltà a camminare. Ed era proprio questo lo scopo del bel laboratorio scolastico denominato “Dal Fuori al Dentro” e promosso dall’Ufficio EBA (Eliminazione Barriere Architettoniche) e dal Servizio Città per tutti del Comune di Venezia, per sensibilizzare i bambini sia sul tema dell’accessibilità che su quello della sicurezza stradale

I bimbi della Scuola Enrico Toti di Mestre, attraversano bendati il percorso ciclo-pedonale vicino al loro istitutoSensibilizzare i bambini sul tema dell’accessibilità e della sicurezza stradale, facendo capire in modo ludico cosa significhi superare un ostacolo per una persona che non vede o che ha difficoltà a camminare, è lo scopo del laboratorio scolastico denominato Dal Fuori al Dentro, promosso dall’Ufficio EBA (Eliminazione Barriere Architettoniche) e dal Servizio Città per tutti del Comune di Venezia.

L’occasione per dare vita all’iniziativa è stata la realizzazione di un percorso ciclo-pedonale di circa trecento metri, protetto e lontano dalla via carrabile, che collega le varie scuole presenti nell’area tra Via Ca’ Rossa e Via del Rigo a Mestre. Ad essere coinvolti nell’iniziativa sono stati in particolare i piccoli allievi dell’ultimo anno della Scuola Materna Il Germoglio e gli studenti delle classi quinte della Scuola Enrico Toti di Mestre.
Due gli incontri organizzati, che si sono svolti in aula e all’aperto. Ai bambini è stato fatto capire il concetto di barriera architettonica e sensoriale e quello della sicurezza stradale, attraverso lo studio delle caratteristiche del percorso casa-scuola, evidenziando gli elementi di sicurezza del nuovo percorso ciclo-pedonale.
Grazie poi alla collaborazione della Società Veneto Salute – che ha fornito una carrozzina – i bambini  hanno avuto la possibilità di sperimentare un percorso toccando con mano le difficoltà che le persone con disabilità possono incontrare quotidianamente. Inoltre i giovani scolari sono stati  bendati e guidati nell’esplorazione dell’ambiente circostante.
Successivamente – divisi per gruppi – i piccoli partecipanti al progetto hanno realizzato dei disegni, ricreando l’esperienza vissuta, con i quali verranno allestiti dei banner che saranno esposti lungo la nuova pista ciclo-pedonale. (Servizio Città per tutti del Comune di Venezia)

Per ulteriori informazioni: Servizio Città per Tutti del Comune di Venezia, tel. 041 2748144 (Venezia), 041 9655440 (Mestre), cittapertutti@comune.venezia.it.
Stampa questo articolo