- Superando.it - http://www.superando.it -

Educazione e consapevolezza sulle lesioni midollari

Ragazzo paraplegico fotografato di spalleLa maggior parte delle lesioni midollari, in Italia, è di origine traumatica ed è causa di disabilità motorie molto gravi. Ad essere coinvolte sono soprattutto persone giovani e giovanissime – per lo più tra i 18 e i 25 anni – a causa, sempre più frequentemente, di incidenti stradali e sportivi.
Partendo da questi dati fondamentali e in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge 169/08 – che ha introdotto nelle scuole di ogni ordine e grado l’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione -, oltreché nell’ambito degli interventi volti alla diffusione e al potenziamento dell’educazione stradale, la FAIP (Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici), l’APM (Associazione Paraplegici delle Marche), l’Ufficio V dell’Ambito Territoriale di Ascoli Piceno-Fermo, l’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Provincia di Ascoli, in collaborazione con Enti e Istituzioni quali l’ACI (Automobile Club d’Italia), l’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), la CSAI (Commissione Sportiva Automobilistica Italiana), il Comune di Maltignano e quello di Ascoli, hanno organizzato per sabato 28 aprile a Maltignano (Ascoli Piceno) (Parco Scuola Guidoland, ore 9-13), il principale evento regionale all’interno delle iniziative programmate per la Giornata Nazionale delle Persone con Lesione al Midollo Spinale (celebrata il 4 aprile scorso).

«L’iniziativa – spiega Simona Flammini, referente dell’Ufficio V dell’Ambito Territoriale di Ascoli Piceno-Fermo – nasce dall’esigenza di incentivare e promuovere, fin dai giovani studenti, una salda coscienza etica, per educarli ai valori fondamentali della sicurezza stradale, con particolare riguardo alle norme di comportamento degli utenti della strada, al rispetto delle regole, a sani stili di vita e al riconoscimento delle responsabilità nelle proprie scelte e nelle proprie azioni».
«Si tratta quindi di un evento – conclude Flammini – che oltre a porre la condizione delle persone paratetraplegiche italiane all’attenzione dell’opinione pubblica, tramite la diffusione di storie, idee e strategie, punta soprattutto alla prevenzione, rivolgendosi appunto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, con l’obiettivo di sviluppare una percezione corretta e certa delle norme che muovono l’ambiente stradale, facendo acquisire la consapevolezza delle possibili conseguenze delle azioni. Un  impegno lungo e paziente, certo, ma anche una sfida che ha lo scopo di mettere i giovani, Cittadini del futuro, al riparo dai rischi e dai pericoli».

All’incontro di Maltignano – oltre alla stessa Flammini – interverranno il sindaco e l’assessore ai Trasporti del Comune di Ascoli, Guido Castelli e Filippo Olivieri, il sindaco di Maltignano Massimo Di Pietro, il presidente dell’azienda dei trasporti ascolani START Alessandro Antonini, il presidente nazionale della FAIP Vincenzo Falabella e il presidente dell’APM Roberto Zazzetti.
Da segnalare infine che nell’ambito dell’evento saranno previste anche simulazioni e dimostrazioni di guida di autovetture, svolte da Istruttori professionisti del Centro Guida Sicura ACI Vallelunga a bordo di Mini Cooper. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: simona.flammini@istruzione.it, apmarche@tin.it.