L’ANFFAS alla manifestazione di Milano

«Mi auguro che la grande partecipazione e il successo ottenuto dalla manifestazione in Lombardia possa essere una forte spinta ad andare sempre avanti su questa strada, continuando così a lottare per i nostri diritti». Sono parole di Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS, Associazione che ha partecipato in forze alla manifestazione del 13 giugno di Milano

Immagine della manifestazione di Milano del 13 giugno 2012

Un'immagine della manifestazione di Milano

«Una grandissima manifestazione, dove ancora una volta l’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), con le sue oltre 1.500 presenze, ha esercitato un ruolo dominante, con 31 associazioni, 10 enti gestori locali e numerose delegazioni composte da genitori, figli, volontari, collaboratori e sostenitori. Oltre 3.000 persone hanno rivendicato diritti e necessità chiedendone il rispetto»: con queste parole, Emilio Rota, presidente dell’ANFFAS Lombardia, ha commentato la grande manifestazione No ai tagli! Sì alla Vita Indipendente e all’inclusione nella società, promossa dalla LEDHA (la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, componente lombarda della FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e dalla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità), svoltasi il 13 giugno a Milano.
Un successo, quindi, che ha visto anche la partecipazione di Sindaci e Assessori di diversi Comuni lombardi, di Consiglieri Provinciali e Regionali e di rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

Voluta per chiedere a gran voce al Governo di ripristinare i fondi sociali, di evitare che nella riforma dell’ISEE [Indicatore della Situazione Economica equivalente, N.d.R.] vengano aumentate le richieste nei confronti delle persone con disabilità, di definire i LEA (Livelli Essenziali Assistenziali) e i LIVEAS (Livelli Essenziali per l’Assistenza Sociale), ma anche per sottolineare l’importanza di fattori come la Vita Indipendente, i progetti individualizzati e la presa in carico globale, la manifestazione ha ottenuto un primo, ottimo risultato poiché si è riusciti a riportare a 70 milioni di euro il Fondo Sociale Regionale della Lombardia.
Forte e incisiva – come detto – è stata la presenza dell’ANFFAS, e non solo in piazza: Emilio Rota e Carla Torselli, infatti, hanno fatto parte della delegazione di LEDHA e FAND,  ricevuta da Giulio Boscagli, assessore regionale della Lombardia alla Famiglia, alla Conciliazione, all’Integrazione e alla Solidarietà Sociale.
«La grande partecipazione e il successo ottenuto dalla manifestazione in Lombardia – dichiara Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS – è motivo di ottimismo per tutti noi e mi auguro che possa essere una forte spinta ad andare sempre avanti su questa strada, continuando così a lottare per i nostri diritti». (R.S.)

Per ulteriori informazioni: Area Comunicazione e Politiche Sociali dell’ANFFAS (Roberta Speziale), tel. 06 3212391 (int. 15), comunicazione@anffas.net.

Stampa questo articolo