Le Settimane Vacanza al tempo della crisi

Grazie anche al determinante sostegno di enti pubblici e privati, la Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone può continuare a garantire le “Settimane Vacanza” e i “Punti Gioco”, iniziative rivolte ad adulti e a bambini con autismo, per dare delle pause “di respiro” ai nuclei familiari duramente impegnati, tutto l’anno e tutti i giorni, nell’accudire i propri congiunti

Villa Respiro a Cordenons (Pordenone)

Villa Respiro a Cordenons (Pordenone) è la sede dei "Punti Gioco", organizzati dalla Fondazione Bambini e Autismo

Sono ormai parecchi anni che la Fondazione Bambini e Autismo ONLUS di Pordenone, oltre ad erogare servizi sanitari per le persone con autismo, ha avviato una serie di iniziative “di respiro” per le famiglie di queste persone, in maniera che le stesse abbiano dei momenti di sosta nell’accudire i propri congiunti.
Per chi non lo sa o per chi non se lo immagina, la presenza di una persona con autismo all’interno di un nucleo familiare porta un vero “terremoto” nelle abitudini e nella vita di genitori e fratelli. Per accudire infatti una persona con autismo – secondo una recente indagine del Censis – occorrono ben 17,1 ore al giorno, un carico che di solito è quasi interamente sopportato dalla famiglia, che rischia dunque di “scoppiare” prematuramente e di rassegnarsi a inserire, anche in età precoce, la persona in un istituto, con una lacerazione notevole sul piano psicologico e un altrettanto notevole costo per la società.

Da sempre, dunque, la Fondazione pordenonese cura le persone con autismo, ma si prende cura anche di chi vive con loro, per scongiurare la scelta ultimativa dell’istituzionalizzazione e permettere appunto alla famiglia di reggere al carico dell’accudimento.
Proprio per questo motivo sono state create le citate iniziative “di respiro” e per l’estate di quest’anno – oltre ai fine settimana a piccoli gruppi, che vengono erogati tutto l’anno – sono state previste anche tre Settimane Vacanza e due Punti Gioco (attività diurna ludica per bambini e ragazzini).
Le Settimane permettono ai genitori di trascorre sette giorni con la certezza che il loro figlio parteciperà ad attività diurne e residenziali gestite da personale competente, appositamente formato sull’autismo. Essi, quindi, potranno avere la necessaria serenità per occuparsi di altri membri della famiglia o di se stessi. Cose “normali”, che però sono quasi sempre precluse per la gravità della situazione.
La prima delle Settimane Vacanza si sta concludendo presso l’Agriturismo alla Quercia di Pasiano di Pordenone, una struttura che fa parte del “Forum delle Fattorie Sociali” ovvero quell’insieme di fattorie che intendono da una parte favorire nella Provincia di Pordenone lo sviluppo di percorsi terapeutici e riabilitativi e di integrazione sociale per le persone svantaggiate e dall’altra valorizzare le risorse agricole, ambientali e socio-culturali del territorio.
Anche le altre Settimane si terranno nella stessa struttura, in periodi diversi, mentre i Punti Gioco – dedicati ai più piccoli – sono in programma a Villa Respiro di Cordenons (Pordenone), come punto di aggregazione, ma avranno mete piacevoli come il mare e strutture dedicate allo svago dei bimbi.

Naturalmente queste attività hanno dei costi che non tutte le famiglie sono in grado di sopportare, anche alla luce della contingenza economica in cui ci si trova, e d’altro canto la Fondazione crede nella compartecipazione delle famiglie, per dare agli utenti servizi di eccellenza. Sul fronte del sociale, però, le risorse sono scarse e quindi ogni anno è necessario richiedere fondi specifici per questo genere di progetti.
Per quest’anno hanno risposto positivamente al progetto la Provincia di Pordenone e l’Associazione Unicredit Friuli Venezia Giulia, assieme alla Unicredit Fondation. Grazie a questa solidarietà, la Fondazione sarà in grado di diminuire e nei casi più disagiati azzerare il contributo delle famiglie, mantenendo inalterato il progetto e aumentando le giornate di attività per rispondere concretamente ai bisogni espressi dalle famiglie.
E questo non è certo un risultato da poco, al tempo della crisi. (Ufficio Stampa Fondazione Bambini e Autismo)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: relazioniesterne@bambinieautismo.org.

Stampa questo articolo