Adulti con autismo: è possibile una vita felice?

Sembra proprio di sì, a Cascina Rossago, comunità agricola studiata per ospitare adulti con autismo, sull’esempio di analoghe esperienze straniere, che costituisce un prezioso punto di riferimento per chiunque intenda affrontare nel nostro Paese questi problemi. E la struttura celebrerà il 30 giugno e il 1° luglio il proprio decennale, con un convegno, un concerto e altri festeggiamenti

Cascina Rossago

La comunità agricola Cascina Rossago, non lontana da Pavia

«Non lontana da Pavia, la comunità agricola di Cascina Rossago, specificamente studiata per ospitare adulti con autismo, sull’esempio di analoghe esperienze straniere, costituisce oggi un prezioso e imprescindibile punto di riferimento per chiunque intenda affrontare nel nostro Paese questi problemi»: così avevamo scritto qualche anno fa e così continua ad essere la struttura pavese, che si avvia ora a festeggiare il decimo anniversario dalla propria nascita, con un convegno internazionale, organizzato in collaborazione con l’Università di Pavia, ma anche con un concerto e con una giornata di festeggiamenti in collina.

Tutto accadrà sabato 30 giugno e domenica 1° luglio, a partire dal convegno del 30, denominato Persone adulte con autismo: è possibile una vita felice? (Aula del ’400 dell’Università di Pavia, ore 9), che sarà aperto da una relazione di Gary B. Mesibov dell’Università americana della North Carolina, già collaboratore e poi successore del grande studioso di autismo Eric Schopler, autore di numerosi libri e pubblicazioni sull’evoluzione dell’autismo in età adulta.
Seguiranno numerose relazioni sui diversi aspetti dell’autismo nell’età adulta e sui modi attraverso cui garantire alle persone che ne soffrono una buona qualità di vita. Tra gli altri interverrà Isabelle Hénault, psicologa dell’Università del Québec a Montréal, in Canada, che parlerà di emozioni, affetti e sessualità nelle persone con autismo.
Nell’aula attigua a quella del convegno, verrà poi predisposta un’area espositiva, per illustrare attraverso poster, filmati, prodotti e manufatti, la vita a Cascina Rossago e in altre realtà significative che si occupano di autismo in età adulta.
In serata, infine, e sempre nella storica aula universitaria, sede del convegno, è in programma un concerto della celebre pianista Hanna Shybayeva, che eseguirà anche brani di un’ospite autistica di Cascina Rossago.

Sarà invece tutta dedicata ai festeggiamenti in collina, la giornata di domenica, a San Ponzo Semola di Ponte Nizza, ma anche a una tavola rotonda, in mattinata (Circolo ANSPI – Associazione Nazionale San Paolo Italia, ore 10.30-12.30), sulle prospettive dell’agricoltura sociale, alla quale parteciperanno Saverio Senni, economista agrario dell’Università della Tuscia di Viterbo e consulente nazionale ed europeo per lo sviluppo dell’agricoltura sociale, insieme ad altri esponenti di fattorie sociali e a rappresentanti della Provincia di Pavia e delle comunità locali.
Seguirà una festa nella piazza di San Ponzo, con un pranzo a base di specialità locali e musica dal vivo. Alla fine dei festeggiamenti, l’Orchestra Invisibile – composta da quattordici percussionisti affetti da autismo e da almeno altrettanti studenti, specializzandi e docenti dell’Università di Pavia, legati dalla passione per la musica e dall’interesse per la ricerca scientifica – suonerà nella chiesa parrocchiale. (S.B.)

Per il programma completo dell’evento, accedere al sito della Fondazione Genitori per l’Autismo – Cascina Rossago. Per ulteriori informazioni: cascinarossago@tin.it.

Stampa questo articolo