Quella struttura per il “dopo di noi” si farà

Lo ha dichiarato il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro, manifestando il proprio appoggio all’iniziativa, in un incontro con i rappresentanti dell’Associazione Tutti a Scuola, che avevano denunciato le mancate risposte sulla possibilità di avviare una struttura per il cosiddetto “dopo di noi” delle persone con grave disabilità e in particolare con disturbi dello spettro autistico

Primo piano di giovane sorridenteHa avuto positivi sviluppi la questione evidenziata nei giorni scorsi dall’associazione napoletana Tutti a Scuola e della quale avevamo riferito nel nostro sito, riguardante le mancate risposte da parte della Provincia di Napoli, sulla possibilità di avviare una struttura per il cosiddetto “dopo di noi” delle persone con grave disabilità e in particolare con disturbi dello spettro autistico. «Strutture – aveva sottolineato Antonio Nocchetti, presidente di Tutti a Scuola – che oggi in Campania non esistono assolutamente».
Dopo avere infatti incontrato lo stesso Nocchetti e alcuni componenti del Direttivo dell’Associazione, il presidente della Provincia Luigi Cesaro ha manifestato il suo pieno appoggio all’assegnazione di una struttura, che potrà rappresentare un modello esemplare in Campania di una farm-community per ragazzi autistici, oltre a un contenitore di iniziative per la stessa Tutti a Scuola.

I prossimi passi da compiere saranno ora la stesura di un protocollo di intesa con il responsabile tecnico della Provincia e l’approvazione del progetto da parte della Giunta Provinciale. «Ritengo – dichiara Nocchetti – che per la fine di luglio saremo nella condizione di partecipare a pieno titolo al bando promosso dalla Fondazione con il Sud, passo molto importante verso l’acquisizione di uno spazio magnifico che potrà assicurare ai nostri figli momenti e “pezzi di vita” più sereni».
Quasi conseguentemente, è stata soppressa anche la mobilitazione promossa per l’11 luglio di fronte alla Provincia, per avere risposte chiare sulla questione. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: ass.tttas@gmail.com.

Stampa questo articolo