Il sole è di tutti

E l’obiettivo di queste settimane di agosto sarebbe che gli italiani si accorgessero improvvisamente di una vera e propria “invasione di alieni”, gente di ogni tipo, alta, bassa, larga, semovente o spinta da qualcuno, elettronica o manuale, con le stampelle o con il bastone bianco, giovani e meno giovani…

Due persone in carrozzina in spiaggiaGiorni di agosto, giorni torridi, ma anche “pericolosi” per le persone con disabilità. Il periodo delle vacanze, infatti, è il test più duro per valutare la propria vita, le relazioni umane, il livello di libertà e di autonomia, perfino la possibilità o la capacità di trasgredire le regole. Dall’alto dei miei primi sessant’anni mi permetto di dare qualche piccolo consiglio basato sull’esperienza. Mi piacerebbe infatti che tutti, ma proprio tutti, anche ragazzi e ragazze con disabilità, stessero vivendo queste settimane senza angoscia, anzi, con la massima leggerezza e gioia di vivere.

Premetto: è difficile. Partiamo da una constatazione inoppugnabile. Siamo terribilmente riconoscibili. Una persona disabile fa fatica persino a immaginare una trasgressione, quella classica dell’estate, ossia tradire il proprio partner, o comunque farsi un’avventura da spiaggia. Ti riconoscono subito, ti vedono. Ti salutano alla prima occasione e davanti al tuo compagno o alla tua compagna candidamente dicono: «Ciao, che ci facevi l’altra sera all’Hotel Miramare?». Già, che ci facevi… I fatti miei, vorresti rispondere. Ma i fatti tuoi, se sei in sedia a rotelle, o comunque con una disabilità fisica o sensoriale evidente, non sono più soltanto i fatti tuoi, diventano di dominio pubblico.
La disabilità, dunque, sembra, tanto per cominciare, abbinata indissolubilmente alla fedeltà e a un comportamento decoroso.

Passiamo ad altro, quindi. Il corpo. Ecco, difficilmente il corpo di una persona con disabilità (con tante splendide eccezioni, per carità…) è facile da esibire sulla spiaggia o in piscina. Bisogna avere una solida faccia di bronzo. Il mio consiglio spassionato è: fregatevene altamente degli altri. Prendete il sole in costume, perché ne avete diritto, il sole è di tutti. È democratico, e fa bene. In realtà non è vero che la gente ti guarda. Solo i bambini, poco educati alla disabilità, arrivano da te e ti puntano il dito: «Che cosa hai fatto? Perché sei così?». Ecco, preparatevi solo una buona risposta per i bambini. La mia migliore è questa: «Sto in carrozzina perché sono pigro e grasso». Funziona, almeno a me.

Altro piccolo consiglio: cercate di liberarvi di genitori e parenti (non me ne vogliano…). Tenderanno a proteggervi, a fare solo le “cose giuste”, a evitarvi difficoltà e disagi. Ma rischiate di rimanere soli, specie verso sera, quando è fondamentale organizzare il tempo del divertimento. La parola d’ordine deve essere: «Non preoccupatevi, mi arrangio…». Buttatevi, cercate amici nuovi, osservate bene le facce, non è difficile individuare quello simpatico, o la ragazza allegra che non si fa problemi solo perché avete, come dire, un aspetto un po’ complicato.

Stendo un velo pietoso sulle barriere che comunque stante incontrando, più o meno ovunque: il bagno attrezzato che trovate, nel momento del bisogno, rigorosamente chiuso a chiave, e nessuno sa chi ce l’abbia; il servoscala che non funziona; la pedana della spiaggia completamente coperta di sabbia e che si ferma a dieci metri dalla battigia, e così stretta che non riuscite neppure a fare dietrofront; il parcheggio per disabili rigorosamente occupato da un SUV con contrassegno taroccato. Immagino infatti che abbiate superato questi e altri ostacoli, altrimenti non sareste qui a leggere questi miei piccoli consigli per le vacanze.
E visto che parlo con gente tosta: vi prego, non perdete una sola occasione a portata di mano. Discoteca, concerti all’aperto, cinema, happy hour, torneo di calcio balilla, chitarrata notturna in spiaggia (esistono ancora? Spero di sì…).

L’obiettivo, ve lo confesso, è che nelle settimane di vacanza gli italiani si accorgano improvvisamente di questa “invasione di alieni”. Gente di ogni tipo, alta, bassa, larga, semovente o spinta da qualcuno, elettronica o manuale, con le stampelle o con il bastone bianco, giovani e meno giovani. Sarebbe il nostro omaggio commosso a Carlo Rambaldi, scomparso da pochi giorni, che con E.T. ha inventato il personaggio disabile più amato e coccolato al mondo.
In una parola: non restate mai soli. Non ve lo meritate. La vita è vostra. Alla faccia dei pregiudizi.

Direttore responsabile di Superando.it. Il presente testo è già apparso (con il titolo “Tutti al mare”) in “InVisibili”, blog del «Corriere della Sera.it». Viene qui ripreso, con una serie di adattamenti al diverso contenitore, per gentile concessione.

Stampa questo articolo