L’impegno di Basaglia continua

Trentadue anni fa, il 29 agosto 1980, moriva Franco Basaglia, che con la sua azione, volta a cancellare l’impostazione repressiva della psichiatria, ha dato un contributo fondamentale allo sviluppo della democrazia e delle libertà in Italia. Il modo giusto per ricordarlo è continuare l’impegno, per dimostrare, usando le sue stesse parole, «che l’impossibile può diventare possibile»

La Legge 180 [del 1978, N.d.R.], sbocco e mediazione politica dell’azione di Franco Basaglia, cancellando l’impostazione repressiva della psichiatria, ha dato un contributo fondamentale per lo sviluppo della democrazia e delle libertà nel nostro Paese. Ha posto fine a secoli di abusi nei confronti di migliaia di persone obbligate all’internamento nei manicomi, restituendo loro libertà e dignità.
Proprio qui sta il valore centrale della Legge 180: nella sua spinta liberatrice e nell’idea di società che include, che accoglie, che soccorre, in cui ogni essere umano ha piena cittadinanza.

È importante ricordare che il lavoro di Basaglia è stato “lavoro di gruppo”, e che esso prosegue: ancora oggi, infatti, moltissimi operatori, associazioni di cittadini, utenti e familiari sono impegnati per affermare il diritto alla salute mentale e a trattamenti sanitari sempre rispettosi della dignità della persona, come afferma la nostra Costituzione. Basti pensare alla Campagna Stop OPG, per l’abolizione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.
Sappiamo bene che la Riforma Basaglia è positiva e ricca di successi, ma che non è ancora stata pienamente applicata: il diritto alla salute mentale non è garantito ancora su tutto il territorio nazionale. Si sono riaperte strutture residenziali molto simili ai vecchi ospedali psichiatrici e spesso sono i farmaci l’unica risposta al bisogno di cura.
Questa situazione di abbandono di chi soffre e delle loro famiglie offre pretesti ai “nostalgici” del manicomio. Basti pensare ai disegni di legge contro la Legge 180, presentati anche quest’anno in Parlamento.

Certo, i tagli al Servizio Sanitario e al Welfare aggravano la situazione, indeboliscono per primi i servizi territoriali – dai Dipartimenti di Salute Mentale ai servizi sociali – e producono nuove esclusioni e disagi. Per questo insistiamo con Governo e Regioni: bisogna investire per la salute mentale, garantire 24 ore su 24 la “presa in carico” delle persone e dei loro familiari nei servizi territoriali, con Centri di Salute Mentale accoglienti, servizi domiciliari e residenziali e per l’inclusione lavorativa, abitativa e sociale.
Questo serve, non smantellare la Legge 180 e tornare al manicomio. Sarebbe un’incivile scorciatoia, che negherebbe dignità e diritti a chi soffre di disagio mentale, limitando la libertà per tutti.
Siamo convinti che il modo più giusto per ricordare Franco Basaglia sia continuare l’impegno per dimostrare ancora, per usare le sue stesse parole, al momento della chiusura dei manicomi, che «l’impossibile può diventare possibile».

Responsabile delle Politiche della Salute della CGIL Nazionale.

Stampa questo articolo