Le difficoltà di letto-scrittura

Se ne parlerà nei pressi di Trento, il 7 e 8 settembre, durante l’omonimo convegno organizzato dal Centro Studi Erickson, per offrire una panoramica sulle caratteristiche di tali problemi e sugli strumenti utili a combatterli. Verranno inoltre forniti aggiornamenti sulle linee guida e i decreti attuativi della Legge 170/10 (“Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”)

Disegno di ragazzo che ha problemi di letto-scrittura (dislessia)Con il convegno denominato Le difficoltà di letto-scrittura in programma presso la propria sede di Gardolo (Trento), venerdì 7 e sabato 8 settembre il Centro Studi Erickson intende rivolgersi in particolare a insegnanti, educatori, genitori e psicologi, per offrire una panoramica delle principali caratteristiche di tali difficoltà e delle strategie e strumenti (anche tecnologici) a disposizione per impostare una corretta pianificazione di interventi mirati e tempestivi.
Contemporaneamente, lo scopo dell’iniziativa è anche quello di fornire informazioni utili sulle linee guida e i decreti attuativi della Legge 170/10 (Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico).

«Molti bambini e ragazzi – spiegano i promotori della due giorni trentina -, nel corso della loro carriera scolastica, incontrano momenti di particolare difficoltà nell’apprendimento e nelle attività di letto-scrittura. Tali difficoltà sono di svariato tipo e possono manifestarsi con diversi gradi di severità, incidendo sulle singole discipline e sul rendimento scolastico in generale, provocando a volte problemi anche sul versante emotivo-motivazionale. Queste problematiche interessano una percentuale abbastanza elevata della popolazione scolastica (per l’Italia i valori oscillano tra l’1,5 e il 5%) e purtroppo, ancora troppo spesso, vengono interpretate dagli insegnanti e dai familiari come scarso impegno, pigrizia o semplice svogliatezza».

Da segnalare, infine, che al convegno parteciperà anche Giacomo Stella, vale a dire uno dei principali esponenti della comunità scientifica che si occupano di disturbi specifici di apprendimento (DSA), docente di Psicologia Clinica all’Università di Modena e Reggio Emilia e socio fondatore dell’AID (Associazione Italiana Dislessia).
Stella è anche direttore del Centro di Neuropsicologia Clinica dell’Età Evolutiva, all’Università di Urbino, e condirettore del periodico «Dislessia. Giornale Italiano di Ricerca Clinica e Applicativa», anch’esso edito da Erickson. (S.B.)

Nel sito del Centro Studi Erickson è disponibile il programma completo del convegno. Per ulteriori informazioni: ufficio stampa@erickson.it.

Stampa questo articolo