Per fare entrare i Cittadini nel “cuore” della sanità

Responsabili e operatori di numerose associazioni prenderanno parte dal 6 settembre a Roma al primo corso pilota di formazione sulla valutazione globale delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment), iniziativa voluta per mettere a confronto – per la prima volta in Italia – strumenti, metodi ed esperienze europee sul coinvolgimento dei Cittadini nei processi decisionali riguardanti le innovazioni in sanità

Medico e assistente fotografati di spalle, mentre esaminano delle radiografiePrenderà il via il 6 settembre a Roma la Summer School per Leader Civici sull’Health Technology Assessment (HTA), approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia sanitaria, attraverso la valutazione di più dimensioni, quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo.
L’iniziativa – promossa da Cittadinanzattiva, in partnership con la SiHTA (Società Italiana di Health Tecnology Assessment) e l’AGENAS (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) – è nata dalla volontà di mettere a confronto, per la prima volta in Italia, strumenti, metodi ed esperienze europee sul coinvolgimento dei Cittadini nei processi decisionali che hanno a che fare con le innovazioni in sanità.
L’obiettivo è sostanzialmente quello di promuovere e aumentare la qualità della partecipazione dei Cittadini nell’HTA, ovvero nel processo di valutazione multidisciplinare delle conseguenze assistenziali, economiche, sociali ed etiche, provocate in modo diretto e indiretto – nel breve e nel lungo periodo – dalle tecnologie sanitarie esistenti, e da quelle di nuova introduzione: dai programmi di prevenzione ai farmaci, dai test diagnostici ai dispositivi medici, fino alle procedure cliniche e assistenziali.

Il primo corso pilota di formazione è in programma dal 6 all’8 settembre, il secondo, sempre a Roma, dal 27 al 29 di questo stesso mese. Vi parteciperanno responsabili e operatori di AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie Linfomi e Mieloma), AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), AMICI (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino), ANMAR (Associazione Nazionale Malati Reumatici), Bianco Airone Pazienti ONLUS-Association for Cancer Pathologies Patients, Tribunale per i Diritti del Malato-Cittadinanzattiva, CnAMC (Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici), EPAC (Associazione di Pazienti con Epatite e Malattie del Fegato), FAIS (Federazione Associazioni Incontinenti e Stomizzati), FAND (Federazione Associazione Nazionale Diabetici), LILA (Lega Italiana per la Lotta contro l’AIDS) e WALCE (Women against Lung Cancer).
Tra i relatori del corso, anche illustri presenze dall’estero, quali Karen Facey, pioniera del settore, creatrice in Inghilterra della prima Agenzia Nazionale per l’HTA e Mary Baker, presidente dell’European Brain Council e consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Inoltre, Carlo Favaretti, presidente della SiHTA; Fulvio Moirano, direttore dell’AGENAS; Teresa Petrangolini di Cittadinanzattiva, direttore della Summer School; Americo Cicchetti, vicepresidente della SiHTA; Marina Cerbo, direttore di Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo-HTA nell’AGENAS e Alessandra Lo Scalzo, componente della medesima organizzazione; Marco Marchetti, dirigente responsabile dell’Unità di Valutazione delle Tecnologie del Policlinico Universitario Gemelli di Roma; Alessio Terzi di Cittadinanzattiva, membro dell’Health Policy Forum della SiHTA. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: summerschool@cittadinanzattiva.it.

Stampa questo articolo