La “spiaggia perfetta”

Sembra proprio essercene una – per le persone con disabilità, ma anche per tutte le altre – a Loano Savona) ove c’è uno stabilimento balneare dotato di ben tre modelli diversi di ausili per la balneazione, in un Comune, come quello ligure, che già da molti anni, tra l’altro, ha scoperto le “carrozzine da mare”

Silvia Genta nel 2012 sulla spiaggia di Loano

Silvia genta, “giudice monocratico” della “spiaggia perfetta”, con gli ausili per la balneazione e, sullo sfondo, la rampa di accesso alla spiaggia di Loano (Savona)

La perfezione, si sa, non è di questo mondo, anche se molti quaggiù la cercano. I politici ricercano la perfetta formula di governo, i surfisti l’onda perfetta, noi, più prosaicamente, la “spiaggia perfetta”. Perfetta per le persone con disabilità, ma anche per tutte le altre, perché se non siamo “come gli altri, assieme agli altri”, siamo assai lontani da una idea di perfezione.
Una spiaggia, quindi, con parcheggio “dedicato” nelle vicinanze, con perfetta accessibilità e fruibilità, sia nei servizi che nella spiaggia stessa e nell’accesso al mare. Nella cortesia dello staff.

Ebbene, abbiamo provato molte spiagge francesi (handiplage) e italiane, prima di scoprire che la nostra “spiaggia perfetta” era proprio a meno di due chilometri da casa nostra!
È vero che viviamo in un piccolo paese – [Loano, in provincia di Savona, N.d.R.], con una sezione del sito ufficiale del Comune intitolata Un mare di possibilità per le persone con disabilità” e che ha scoperto già da molti anni le “carrozzine da mare”, grazie alla collaborazione delle associazioni di persone con disabilità. E tuttavia, trovare uno stabilimento balneare dotato di ben tre modelli diversi di ausili per la balneazione, ha fatto decidere la nostra (simbolica) giuria – con mia figlia Silvia giudice unico! – ad assegnare la (simbolica) targa di “spiaggia perfetta” ai Varesina Beach – G.H. Garden Lido di Loano (Savona). Complimenti!

Stampa questo articolo