A Napoli lo spazio è accessibile

Grazie infatti a un’iniziativa delle Associazioni Blindsight Project e CulturAbile, verrà presentato il 6 ottobre, all’interno di “Futuro Remoto”, la manifestazione di divulgazione della cultura scientifica e tecnologica, in corso alla Città della Scienza, la collana “Sensory Space©”, composta da DVD con immagini audiodescritte e video sottotitolati, accessibili anche alle persone con disabilità sensoriale

Logo del Progetto "Sensory Space©"Bella l’iniziativa promossa dall’Associazione Blinsight Project, in collaborazione con l’Associazione CulturAbile (Sottotitolazione, Audiodescrizione, Respeaking per l’Accessibilità Culturale a favore dei Disabili Sensoriali), nell’ambito di Futuro Remoto, una delle più importanti manifestazioni di divulgazione della cultura scientifica e tecnologica del panorama italiano e europeo, la cui ventiseiesima edizione si chiuderà il 4 novembre presso la Città della Scienza di Napoli. Si tratta di Sensory Space©, collana di DVD accessibili, con immagini audiodescritte e video sottotitolati, riguardanti lo spazio, fruibili da tutti indistintamente, persone con disabilità sensoriale compresi.

Il primo DVD – una demo di accessibilità che dimostrerà come in fondo basti poco per soddisfare l’esigenza di una cultura realmente aperta a tutti – sarà presentato sabato 6 ottobre ( ore 11 e successivamente ore 16) da Laura Raffaeli, presidente di Blindsight Project e da Saveria Arma, presidente di CulturAbile. Quello stesso primo DVD rimarrà poi a Futuro Remoto, nella postazione di Blindsight Project, fino al 31 maggio 2013 e sarà scaricabile gratuitamente dal sito di Blindsight Project.
«Questa importante iniziativa – spiega Laura Raffaeli – si avvale della preziosa collaborazione e consulenza del noto ricercatore e giornalista scientifico Luigi Bignami, e vuole abbattere quelle barriere invisibili e sconosciute – le barriere sensoriali – che impediscono a migliaia di persone prive della vista o dell’udito una completa autonomia, in questo caso nello studio, nell’informazione e nella cultura in generale». (S.B.)

Per ulteriori informazioni: info@blindsight.eu.

Stampa questo articolo