Emozioni e apprendimento scolastico

Su tale tema sarà centrato l’incontro dell’11 ottobre ad Ancona, nell’ambito dei seminari di studio promossi dalla Lega del Filo d’Oro. La relazione principale sarà quella di Pio Ricci Bitti dell’Università di Bologna, seguìto da Mauro Mario Coppa, che declinerà l’argomento sulle concrete esperienze vissute con l’Associazione organizzatrice, in riferimento ad alunni con gravi disabilità

Bimba in carrozzina con compagna di scuolaNell’ambito dei seminari di studio promossi dalla Lega del Filo d’Oro – frutto di un’esperienza ormai quarantennale, per un’offerta formativa all’insegna dell’inclusione, delle tecnologie educative e dell’innovazione didattica – un importante appuntamento è in programma per giovedì 11 ottobre ad Ancona (Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche, ore 16-19), con l’incontro denominato Emozioni e apprendimento scolastico, centrato sulla partecipazione di Pio Ricci Bitti, docente ordinario di Psicologia Generale all’Università di Bologna, responsabile presso il medesimo Ateneo del CRES (Centro di Ricerca su Emozioni e Salute) e protagonista di numerose ricerche, nel corso degli anni, riguardanti in particolare la psicologia dell’adolescenza, la prospettiva temporale, gli aspetti psicologici della pratica sanitaria, la comunicazione non verbale, le emozioni e la psicologia della salute.

«La scuola – si legge nella presentazione del seminario – è la principale sfida cognitiva per ogni bambino, a partire dall’ingresso nella primaria. Per chi ha successo diviene un’occasione di accrescimento della propria autostima e autoefficacia, ma per chi incontra difficoltà a vario titolo e per varie ragioni genera conseguenze di segno opposto. Si stima che tale condizione, per periodi temporanei o per l’intera carriera scolastica, coinvolga tra il 30% e il 40% dell’intera popolazione scolastica. Che dire poi se l’alunno è in situazione di disabilità? In questo caso, naturalmente, la situazione è più complessa, ma i rischi di insuccesso percepito sono altissimi».
L’incontro di Ancona, dunque, si propone di affrontare la complessità della relazione tra i processi di insegnamento e apprendimento e gli aspetti emozionali, con l’auspicio di fornire una serie di spunti utili alla riflessione di chi opera quotidianamente nell’ambito di una relazione educativa.

Dopo l’apertura dei lavori, affifata a Carlo Ricci dell’Istituto Walden, la relazione principale – come detto – sarà quella di Pio Ricci Bitti (Emozioni e apprendimento scolastico), mentre successivamente è previsto l’intervento di Mauro Mario Coppa della Lega del Filo d’Oro, che esemplificherà il tema, con la relazione intitolata Apprendimento ed emozioni quando l’alunno è con disabilità gravi.

Per ulteriori informazioni: info@legadelfilodoro.it, ceccarani.p@legadelfilodoro.it (Patrizia Ceccarani).

Stampa questo articolo