Il mondo paralimpico e quello di Special Olympics si incontrano

Accadrà a Torino, il 20 e il 21 ottobre, con due giornate di canottaggio sul fiume Po, fatte di una serie di regate dedicate dapprima agli atleti con disabilità intellettiva del movimento internazionale Special Olympics e successivamente agli atleti paralimpici, primo passo verso i Giochi di Rio de Janeiro del 2016. Prevista anche la partecipazione di qualche “medagliato” alle recenti Paralimpiadi di Londra

Torino, Ponte Isabella

Ponte Isabella, a torino, da dove partiranno le regate del 20 e 21 ottobre

Rowing for Rio Regatta, Paralympic Games 2016, ovvero una regata di canottaggio in prospettiva delle Paralimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, ma anche Special Olympics Regatta, vale a dire una regata destinata agli atleti con disabilità intellettiva del movimento internazionale Special Olympics.
Si caratterizzerà infatti come un evento sportivo che per la prima volta unirà due mondi “paralleli” – quello paralimpico e quello di Special Olympics – il VII Trofeo Rowing For Rio – Paralympic Games 2016 – Adaptive Rowing, in programma a Torino, sabato 20 e domenica 21 ottobre, sulle acque del Po, a cura della FIC (Federazione Italiana Canottaggio), del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) e della Società Canottieri Armida di Torino.
«Al sabato – spiegano i promotori della bella iniziativa – svolgeremo le gare Special Olympics e alla domenica mattina quelle paralimpiche, alternandole ad esperienze promozionali in cui cercheremo di coinvolgere anche neofiti dello sport».

«In qualità di Assessore di una città che ha vinto il titolo di “Capitale Europea dello Sport per il 2015” – dichiara l’assessore allo Sport del Comune di Torino Stefano Gallo – sarò orgoglioso di portare il saluto mio e del Sindaco a tutti i partecipanti a questa regata, che rappresenta un’ulteriore conferma dell’attenzione e dell’interesse espresso dal sistema sportivo cittadino verso le discipline paralimpiche, che ancora recentemente, a Londra, hanno saputo regalare all’Italia e alla nostra città moltissime soddisfazioni. Trasmetterò quindi a tutti gli atleti presenti il mio più caloroso “in bocca al lupo” per questa competizione e per l’avvio di un percorso ambizioso che ha come obiettivo i prossimi Giochi Paralimpici del 2016 a Rio de Janeiro».
Oltre cinquanta saranno i volontari impegnati per l’occasione e presenzierà anche Silvia Bruno, presidente del CIP Piemonte. Tra gli atleti in competizione, alcuni componenti della Nazionale Paralimpica, tra i quali qualche “medagliato” di Londra. (S.B.)

Nel sito della Società Canottieri Armida è disponibile il programma completo della manifestazione. Per ulteriori informazioni: adaptive@canottieriarmida.it.

Stampa questo articolo