Autismo e terapia multisistemica in acqua

Si parlerà infatti di autismo e degli attuali sviluppi delle conoscenze in questo ambito, durante l’incontro informativo del 25 ottobre a Solaro (Milano), ma anche di Terapia Multisistemica in Acqua (TMA), “giovane” approccio terapeutico, diffuso da qualche anno, presentando il prossimo corso in programma in Lombardia, a partire dal mese di gennaio del 2013, a Cernusco sul Naviglio (Milano)

Terapia multisistemica in acqua

Terapia multisistemica in acqua

È in programma per giovedì 25 ottobre a Solaro (Milano), a cura dell’Assessorato Comunale ai Servizi Sociali e alla Persona, in collaborazione con la Cooperativa Sociale TMA di Casoria (Napoli), le Associazioni Triade SOS Autismo di Busto Arsizio (Varese) – affiliata all’ANGSA Lombardia (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) – Il Cireneo di San Giovanni Rotondo (Foggia) e L’Amico Speciale di Napoli, l’incontro informativo denominato Autismo… e ora cosa facciamo? (Sala Consiliare del Comune di Solaro, Via Mazzini, 60, ore 20.30).

Moderati da Patrizia Perfetti, responsabile del sostegno nel locale Istituto Comprensivo Statale Regina Elena, vi parteciperanno – insieme al sindaco di Solaro Renzo Moretti e all’assessore comunale ai Servizi Sociali e alla Persona Rosaria Fusi – l’ortopedagogista Bert Pichal, che si soffermerà sul tema Cos’è l’autismo?, spiegando quanto sia importante conoscere il funzionamento della “mente autistica” e possedere gli strumenti che consentano la condivisione e la comunicazione ed Emanuele Ciocia, il cui intervento sarà centrato sulla terapia multisistemica in acqua (TMA), approccio terapeutico di cui il nostro giornale ha avuto già più volte occasione di occuparsi, ideato da Giovanni Caputo, Giovanni Ippolito e Paolo Maietta, e presentato ufficialmente nel 2008, nell’ambito dell’associazione pugliese del Cireneo (di Caputo, Ippolito e Maietta segnaliamo anche il libro La terapia multisistemica in acqua, pure da noi presentato a suo tempo).
Si tratta in sostanza di una strategia che usa l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale e motorio, nel tentativo di spingere la persona con disturbi della comunicazione e autismo a una relazione significativa, in un ambiente ludico come quello delle piscine pubbliche.

L’incontro di Solaro sarà anche un’occasione propizia per presentare il prossimo corso di TMA, in programma in Lombardia, a Cernusco sul Naviglio (Milano), a partire dal 25 gennaio 2013, al quale sono già aperte le iscrizioni. (S.B.)

Per ulteriori informazioni:
– sull’incontro di Solaro: servizisociali@comune.solaro.mi.it.
– sul corso di Cercusco sul Naviglio: giovannippolito@libero.it.

Stampa questo articolo