Tutti in pista, all’Autodromo di Monza

Un giro di pista su bolidi guidati da piloti professionisti, ma anche sidecar, mongolfiere, elicotteri, go-kart, gru-scavatrici e momenti di spettacolo: sarà tutto questo e altro ancora, la “Sei ruote di Speranza” del 1° novembre, all’Autodromo di Monza, nuova edizione dell’iniziativa tanto attesa dai giovani (e non) con disabilità, organizzata della UILDM di Monza (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)

Autodromo di Monza, "Sei ruote di Speranza", 1° novembre 2011

Un’immagine della “Sei ruote di Speranza” del 2011 (per gentile concessione del sito “6rds.it”)

È ormai imminente un appuntamento assai atteso da tanti giovani con disabilità. Si terrà infatti giovedì 1° novembre, sul circuito del celebre Autodromo di Monza, la ventiseiesima edizione della Sei ruote di Speranza.
Questo appuntamento con il mondo dei motori ad altissima cilindrata è stato ideato nel 1986 da Leonardo Baldinu, attuale presidente della UILDM di Monza (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), per offrire la possibilità in tutta sicurezza e in maniera del tutto gratuita a giovani (e meno giovani) con disabilità di vivere un’esperienza unica nella propria vita: provare cioè un giro di pista su macchine d’alta gamma, insieme ad esperti piloti professionisti. Sei ruote di speranza perché appunto sono quattro, le ruote delle macchine da corsa, e due quelle delle carrozzine delle persone con disabilità.

Nell’arco dell’intera giornata (i cancelli dell’Autodromo saranno aperti dalle 9 alle 16, con una breve interruzione di un’ora verso le 13), all’interno dell’area riservata ai partecipanti si potranno seguire e provare direttamente svariate attività. Si potranno ad esempio percorrere le strade interne dell’autodromo, a bordo di un sidecar, salire su una mongolfiera o sull’elicottero della Polizia, guidare un go-kart biposto a fianco di piloti provetti e all’interno di una pista riservata, ma anche movimentare delle grandi gru scavatrici e assistere a spettacoli di comici e cantanti famosi, durante la pausa pranzo in regime di pista chiusa.
Tra gli amici della Sei ruote di Speranza che anche quest’anno hanno garantito la loro presenza, vi saranno figure di spicco sia dello sport che del mondo dello spettacolo, tra cui i piloti Valentina Albanese, Michela Cerruti e Stefano Comandini, il ginnasta Igor Cassina, il comico Marco Della Noce e l’handbiker Francesca Fenocchio, vincitrice nella propria categoria del terzo Giro d’Italia di Handbike, oltre a rappresentanti di realtà note, quali Seat Motorsport Italia e il Calcio Monza.

Sempre voluta e sostenuta dalla UILDM di Monza, sin dai suoi suo esordi, questa iniziativa ha riscosso via via sempre maggiore apprezzamento da parte degli organi d’informazione nazionali e ottenuto una grande partecipazione di pubblico. Anche questa edizione, quindi, offrirà certamente molti momenti memorabili. (C.N.)

Per iscriversi alla Sei ruote di Speranza, accedere al sito specificamente dedicato. Per ulteriori informazioni: info@6rds.it.

Stampa questo articolo