Una settimana tutta “a spicchi”

È quella dedicata all’“European Basketball Week”, evento organizzato da Special Olympics – il movimento internazionale dedicato allo sport delle persone con disabilità intellettiva -, che prevede iniziative promozionali, tornei, percorsi ed esercizi di avviamento alla pratica della pallacanestro, in tutte le Regioni d’Italia, a partire dai campi della Serie A

Striscione di Special Olympics in un campo di basket

Una settimana contrassegnata da striscioni di Special Olympics in tutti i campi di basket d’Italia

In questa settimana tutta l’Europa si sta facendo “a spicchi” – così come proverbialmente è “a spicchi” il pallone da pallacanestro -, grazie all’European Basketball Week, evento organizzato da Special Olympics – il movimento internazionale dedicato allo sport delle persone con disabilità intellettiva – giunto quest’anno alla sua nona edizione, con il sostegno della FIBA Europa (la Federazione Internazionale del Basket), dell’Euroleague Basketball e dell’Unione Europea, con la partecipazione di ben 17.500 giocatori di 32 Paesi del Vecchio Continente.
In Italia, l’iniziativa ha il patrocinio della FIP (Federazione Italiana Pallacanestro), della Lega Basket, della LegaDue, della Lega Basket Femminile, dalla GIBA (Giocatori Italiani Basket Associati), della Lega Nazionale Pallacanestro e del Comitato Italiano Arbitri.

In questi giorni, dunque, spazio a tornei, iniziative promozionali, percorsi ed esercizi di avviamento alla pratica della pallacanestro, con più di 4.500 atleti Special Olympics, con e senza disabilità intellettiva, che scendono sui parquet di tutte le Regioni d’Italia per giocare la “partita dell’integrazione”. «L’evento – spiegano i responsabili di Special Olympics Italia – ha un valore importante per la diffusione della nostra mission. A sostegno di esso, infatti, vengono pianificate diverse iniziative di comunicazione legate al mondo sportivo della palla a spicchi».
Il riferimento è segnatamente allo striscione di Special Olympics che ha fatto e ancora farà il proprio ingresso nei palazzetti del Campionato di serie A di basket e alle partite dimostrative organizzate durante l’intervallo. Medesimo scenario, poi, si avrà anche durante le partite di Eurolega delle squadre italiane. Il Comitato Italiano Arbitri, inoltre, supporta la manifestazione facendo indossare a tutti i fischietti di Serie A e di Lega Due le maglie e i lacci di Special Olympics. E ancora, l’Eurolega dedica alcune giornate di incontri alla Basketball Week in tutta Europa, nelle quali il capitano della squadra di casa insieme ad un atleta leggono un breve messaggio al pubblico. Su tutti gli schermi luminosi all’interno dei palazzetti, infine, viene diffuso il logo di Special Olympics e le partite vengono riprese in diretta TV su SportItalia.
Da ultimo, ma non certo ultimo, la speciale “partita sul web”, basata cioè sull’asta di E-Bay (www.ebay.it), che mette in palio cimeli originali autografati – legati naturalmente al mondo del basket – consentendo a tutti di fare una donazione in favore degli atleti Special Olympics. In particolare, le squadre di Serie A, di LegaDue e della Lega Pallacanestro Femminile donano maglie e palloni autografati, o anche la possibilità di assistere alle partite di campionato da una posizione privilegiata, oltreché di partecipare a una sessione di autografi o alla cena post-partita in compagnia della squadra. Il ricavato delle aste contribuirà interamente alla copertura delle spese organizzative dell’European Basketball Week. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: redazione@specialolympics.it.

Stampa questo articolo