Una giornata al Parlamento Europeo tutta sulla disabilità

È in programma infatti il 5 dicembre a Bruxelles il Terzo Parlamento Europeo delle Persone con Disabilità, importante evento che coinvolgerà centinaia di rappresentanti delle organizzazioni di persone con disabilità di tutta Europa, per discutere con chi “fa” le politiche europee, sui modi per garantire i diritti di 80 milioni di Cittadini con disabilità in quest’epoca di crisi

 

Yannis Vardakastanis

Il presidente dell’EDF (European Disability Forum) Yannis Vardakastanis

Mercoledì 5 dicembre – dopo i precedenti eventi del 1993 e del 2003, che in entrambe le occasioni avevano portato a produrre delle Risoluzioni e un Manifesto in vista delle successive Elezioni Europee – è in programma a Bruxelles il Terzo Parlamento Europeo delle Persone con Disabilità, che coinvolgerà più di 450 Delegati appartenenti alle organizzazioni di persone con disabilità di tutta Europa, i quali incontreranno i leader del principale organismo amministrativo continentale, gli europarlamentari e i vari “decisori” dell’Unione Europea, per discutere su come garantire i diritti di 80 milioni di Cittadini con disabilità in un’epoca di grave crisi economica, finanziaria e sociale, come quella presente.
L’evento sarà tra l’altro quanto mai opportuno, anche perché nel 2013 l’Unione Europea dovrà presentare il suo Primo Rapporto alle Nazioni Unite sui progressi riguardanti l’implementazione e la concreta applicazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, ratificata – com’è noto – dalla stessa Unione Europea il 23 dicembre 2010.

Si tratterà quindi di un incontro che contribuirà certamente a incoraggiare il dialogo tra le varie organizzazioni nazionali che si occupano di disabilità, con i componenti del Parlamento Europeo e in generale con chi può avere in mano la responsabilità di costruire un’Europa accessibile e all’insegna delle pari opportunità per tutti i Cittadini.
Anche in questo caso, poi, come nelle precedenti occasioni, verrà discussa e votata una Risoluzione, per chiedere con forza alle Istituzioni Europee, ai corpi consultivi, agli Stati Membri dell’Unione, ai partner sociali, alla società civile, alle organizzazioni non governative, a quelle che si occupano di disabilità e a tutti i portatori di interesse in questo àmbito, di compiere i passi necessari a promuovere i diritti delle persone con disabilità in tutto il Vecchio Continente.
Tra gli altri interventi, sono previsti quelli di Martin Schulz, presidente del Parlamento Europeo, di Hannes Swoboda, presidente del Gruppo Socialisti e Democratici e dei Presidenti degli altri principali Gruppi Parlamentari. Sempre in àmbito di rappresentanti istituzionali, parteciperanno poi Roberta Angelilli, vicepresidente del Parlamento Europeo, Erminia Mazzoni, coordinatrice del Comitato per le Petizioni, Pervenche Bères, coordinatrice del Comitato sul Lavoro e gli Affari Sociali, Adam Kosa, coordinatore dell’Intergruppo Europeo sulla Disabilità, Herman Van Rompuy, president del Consiglio Euroope (con un videomessaggio), Nikoforos Diamandouros, ombudsman europeo e Yannis Vardakastanis, presidente dell’EDF (European Disability Forum).

Da segnalare infine che la partecipazione diretta all’evento è ristretta ai Delegati delle organizzazioni espressamente invitate, ma che tutti potranno seguire i lavori della giornata in streaming, nel portale del Parlamento Europeo (con traduzione in diverse lingue). (S.B.)

Per ulteriori informazioni, accedere al sito dell’EDF (European Disability Forum) alla pagina specificamente dedicata all’evento del 5 dicembre, ove è anche disponibile il programma completo dei lavori.

L’occasione ci sembra anche propizia per ricapitolare l’elenco dei 126 Paesi (compresa l’Unione Europea), che ad oggi, 4 dicembre 2012, appaiono nell’elenco ufficiale prodotto dall’ONU, come ratificatori della Convenzione. L’ordine è cronologico ed è quello che risulta dalla data pubblicata nel portale dell’ONU:
– Giamaica (30 marzo 2007) – Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Cuba (6 settembre 2007) – Gabon (1° ottobre 2007) – India (1° ottobre 2007) – Bangladesh (30 novembre 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – Nicaragua (7 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Giordania (31 marzo 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Egitto (14 aprile 2008) – Honduras (14 aprile 2008) – Filippine (15 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Qatar (13 maggio 2008) – Kenya (19 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Australia (17 luglio 2008) – Thailandia (29 luglio 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Cina (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Turkmenistan (4 settembre 2008) – Nuova Zelanda (25 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Vanuatu (23 ottobre 2008) – Lesotho (2 dicembre 2008) – Corea del Sud (11 dicembre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) – Svezia (15 dicembre 2008) – Oman (6 gennaio 2009) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Uruguay (11 febbraio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Gran Bretagna (8 giugno 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Danimarca (24 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Malawi (27 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Laos (25 settembre 2009) – Repubblica Ceca (28 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Seychelles (2 ottobre 2009) – Iran (23 ottobre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Algeria (4 dicembre 2009) – Mauritius (8 gennaio 2010) – Zambia (1° febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Lettonia (1° marzo 2010) – Canada (11 marzo 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Emirati Arabi Uniti (19 marzo 2010) – Maldive (5 aprile 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Etiopia (7 luglio 2010) – Malaysia (19 luglio 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Senegal (7 settembre 2010) – Moldavia (21 settembre 2010) – Armenia (22 settembre 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Sierra Leone (4 ottobre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Unione Europea (23 dicembre 2010) – Romania (31 gennaio 2011) – Togo (1° marzo 2011) – Colombia (10 maggio 2011) – Belize (2 giugno 2011) – Cipro (27 giugno 2011) – Pakistan (5 luglio 2011) – Bahrein (22 settembre 2011) – Lussemburgo (26 settembre 2011) – Capo Verde (10 ottobre 2011) – Indonesia (30 novembre 2011) – Myanmar (7 dicembre 2011) Macedonia (29 dicembre 2011) – Bulgaria (22 marzo 2012) – Mozambico (30 gennaio 2012) – Mauritania (3 aprile 2012) – Estonia (30 maggio 2012) – Grecia (31 maggio 2012) – Gibuti (18 giugno 2012) – Nauru (27 giugno 2012) – Benin (5 luglio 2012) – Liberia (26 luglio 2012) – Ghana (31 luglio 2012) – Afghanistan (18 settembre 2012) – Swaziland (24 settembre 2012) – Polonia (25 settembre 2012) – Russia (25 settembre 2012) – Israele (28 settembre 2012) – Dominica (1° ottobre 2012) – Malta (10 ottobre 2012)

Per quanto riguarda invece il Protocollo Opzionale alla Convenzione (testo che consente al Comitato sui Diritti Umani delle Persone con Disabilità di ricevere anche ricorsi individuali – di singoli o di gruppi di individui – e di avviare eventuali procedure d’inchiesta), a ratificarlo sono stati finora i seguenti 76 Paesi:
– Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Bangladesh (12 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) –  Svezia (15 dicembre 2008) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Gran Bretagna (7 agosto 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Australia (21 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Nicaragua (2 febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Honduras (16 agosto 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Lettonia (31 agosto 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Turkmenistan (10 novembre 2010) – Togo (1° marzo 2011) – Cipro (27 giugno 2011) – Lussemburgo (26 settembre 2011) – Uruguay (28 ottobre 2011) – Macedonia (29 dicembre 2011) – Mozambico (30 gennaio 2012) – Mauritania (3 aprile 2012) – Estonia (30 maggio 2012) – Grecia (31 maggio 2012) – Gibuti (18 giugno 2012) – Benin (5 luglio 2012) – Ghana (31 luglio 2012) – Afghanistan (18 settembre 2012) – Swaziland (24 settembre 2012) – Dominica (1° ottobre 2012) – Malta (10 ottobre 2012)

Suggeriamo anche la consultazione di: www.un.org/disabilities.

Stampa questo articolo