“Help” è un videogioco che può aiutare i disabili

Si tratta infatti di un videogioco ideato dal Laboratorio di Interazione Uomo-Macchina dell’Università di Udine e creato anche con la collaborazione della Consulta Regionale dei Disabili del Friuli Venezia Giulia , il cui obiettivo è quello di aiutare una persona con disabilità in sedia a rotelle ad uscire da un edificio durante un terremoto, in caso di incendio o di altri eventi eccezionali

Videogioco "Help"

Una delle fasi del videogioco “Help”

Il percorso di continua evoluzione della tecnologia è passato ora nel mondo delle persone disabili, con un attento interesse alla sicurezza, grazie al nuovo videogioco denominato Help, ideato dal Laboratorio di Interazione Uomo-Macchina dell’Università di Udine.
Si tratta infatti di un progetto nato con l’intento di migliorare i servizi di emergenza per le persone con disabilità, attraverso programmi informatici, una forma innovativa, che ha come finalità l’istruzione e l’addestramento, consentendo al giocatore di sviluppare la propria abilità nell’aiutare appunto le persone disabili in situazioni difficili e di emergenza.

Il videogioco è stato creato con l’aiuto della Consulta Regionale dei Disabili del Friuli Venezia Giulia e ha vari livelli di difficoltà, uniti ad un unico obiettivo: quello di aiutare una persona con disabilità in sedia a rotelle ad uscire da un edificio durante un terremoto, in caso di incendio o di altri eventi eccezionali. Una prima parte, poi, è dedicata alla spiegazione del gioco, con un Vigile del Fuoco virtuale che fornisce elementi di supporto sulla base delle linee guida ufficiali.

Help è uno dei tanti progetti di ricerca nell’ambito dei “Servizi avanzati per il soccorso sanitario al disabile basati su tecnologie ICT innovative”, coordinato dal Laboratorio Universitario di Udine, in collaborazione con l’Istituto di Riabilitazione Gervasutta della città friulana, la già citata Consulta Regionale, il servizio operativo 118 e l’Elisoccorso Friuli Venezia Giulia. (Laura Sandruvi)

L’applicazione di Help si può trovare anche in Facebook.

Stampa questo articolo