A scuola di accessibilità dell’edilizia storica

Lezioni teoriche e pratiche, un concorso di idee, una mostra itinerante e una pubblicazione: sono i vari momenti della “Winter School in Accessibility with ThyssenKrupp Encasa”, iniziativa dell’Università di Pavia, in corso in questi mesi, che punta a sollecitare l’attenzione degli studenti partecipanti sulla difficile sfida di rendere accessibile e fruibile l’edilizia degli edifici storici dall’elevato valore culturale

Pavia, Palazzo San Felice

Palazzo San Felice, sede del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Pavia, è il “caso di studio” scelto per i partecipanti alla “Winter School in Accessibility with ThyssenKrupp Encasa”

Una settimana intensiva di lezioni e laboratorio progettuale, svoltasi all’inizio di dicembre, un concorso di idee, con la premiazione prevista nel prossimo mese di marzo e una mostra itinerante, da marzo a giugno del prossimo anno: sono queste le tre azioni coordinate sulle quali si articola la Winter School in Accessibility with ThyssenKrupp Encasa, iniziativa dell’Università di Pavia, che ha come obiettivo principale l’approfondimento del tema dell’accessibilità e della fruibilità degli edifici storici dall’elevato valore culturale.
Alle tre azioni principali, si aggiungerà anche una pubblicazione, che raccoglierà gli esiti didattici, allo scopo di sollevare l’attenzione sul tema della fruibilità ampliata dell’edilizia storica, in Italia non ancora sufficientemente trattato, nonostante l’ingente patrimonio di edilizia storica che caratterizza le città del nostro Paese.

«La Winter School – spiegano i promotori – prende spunto da uno dei temi trattati nel Corso di Dottorato in Ingegneria Civile e Architettura della Facoltà di Ingegneria di Pavia e dalla collaborazione con l’Azienda ThyssenKrupp Encasa, che opera da anni con soluzioni tecniche per migliorare l’accessibilità nell’edilizia. Puntiamo in sostanza a sollecitare l’attenzione degli studenti sulla difficile sfida di rendere il più accessibile e fruibile l’edilizia esistente nel rispetto delle sue peculiarità storico-architettoniche».
Le lezioni teoriche e le esercitazioni pratiche vertono su uno specifico “caso di studio”, vale a dire l’elaborazione di soluzioni per il miglioramento dell’accessibilità di Palazzo San Felice, sede del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Pavia. «La scelta di Palazzo San Felice – sottolineano ancora dall’Ateneo lombardo – è stata dettata dalla disponibilità di rilievi geometrici e materici svolti nell’ambito delle attività del Laboratorio STEP (Scienza e Tecnica per l’Edilizia e la Progettazione) sui beni storico-architettonici e dalla destinazione d’uso a edificio universitario, che vede al proprio interno una moltitudine di utenti – assidui e occasionali – i quali possono presentare diverse abilità e quindi necessitare di soluzioni adeguate a soddisfare le esigenze di una utenza ampliata».

Su tutti questi aspetti, pertanto, stanno lavorando i ventiquattro studenti che frequentano la Winter School, dodici dei quali provenienti dalla stessa Università di Pavia, quattro ciascuno dall’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia di Roma, dall’Università di Cagliari e dal Politecnico di Torino. Organizzati in sei diversi gruppi, essi lavorano autonomamente, sotto la guida di tutor, per proporre soluzioni utili a migliorare l’accessibilità dell’edificio prescelto e dopo la settimana intensiva di inizio dicembre, la prossima scadenza è fissata per fine febbraio, quando gli elaborati grafici prodotti da ciascun gruppo saranno raccolti e consegnati alla Commissione Giudicatrice, composta da tecnici e dirigenti di ThyssenKrupp Encasa e da persone qualificate individuate dall’Università di Pavia.
La premiazione del progetto ritenuto migliore verrà effettuata in forma pubblica, con una mattinata dedicata alla presentazione di tutte le realizzazioni, il 5 marzo (Aula Foscolo del Palazzo Centrale dell’Università). In tale occasione, verrà anche offerto un periodo di stage allo studente che si sarà maggiormente distinto durante i lavori della School.
Successivamente, una mostra itinerante di tutti i progetti sviluppati sarà allestita in ciascuno degli Atenei partecipanti all’iniziativa, ospitata dapprima dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia, per spostarsi quindi a Cagliari, Torino e Roma. Sono inoltre in corso alcuni contatti con il Comune di Pavia, per presentare i progetti anche nell’ambito della seconda edizione della manifestazione Alfabeti Differenti, programmata per il mese di aprile 2013, a cura del locale Sportello Antidiscriminazioni.
Come anticipato, infine, l’Università di Pavia si impegna a raccogliere gli esiti della School in una pubblicazione, che verrà presentata in occasione del citato evento Alfabeti Differenti oppure in corrispondenza dell’apertura della mostra dei progetti presso l’Accademia Adrianea di Roma. (S.B.)

Nel sito dedicato alla Winter School in Accessibility with ThyssenKrupp Encasa, oltre ad essere disponibili costanti aggiornamenti sulle attività inerenti il progetto, è consultabile anche un “diario” delle attività stesse. Per ulteriori informazioni: info.wsaccessibility@gmail.com.

Stampa questo articolo