Gli Special Olympics italiani verso la Corea

Cinquantasette sportivi, tra atleti e tecnici di Special Olympics – il movimento internazionale dedicato allo sport delle persone con disabilità intellettiva -, sono partiti per l’Estremo Oriente, dove si misureranno in varie discipline, fino al 6 febbraio, nei Giochi Mondiali Invernali, in programma a Pyeongchang, in Corea, il più importante evento sportivo internazionale del 2013 dedicato alle persone con disabilità intellettiva

Delegazione italiana Special Olympics, Mondiali Invernali, Corea 2013

La delegazione italiana di Special Olympics in partenza per la Corea

È partita la delegazione italiana di Special Olympics, il movimento internazionale dedicato allo sport delle persone con disabilità intellettiva, che rappresenterà il nostro paese ai Giochi Mondiali Invernali, in programma dal 26 gennaio al 6 febbraio a Pyeongchang, in Corea, grande evento cui parteciperanno quasi 3.000 atleti, 600 tecnici e 2.500 familiari, provenienti da oltre 100 Paesi.

Paola, Simonetta, Roberta, Davide, Alessandro, Fabio, Ilaria, Elisa, Laura, Giulia, Alberto, Jacopo, Matteo, Daniele, Michael, Christoph, Chiara, Marta, Stefano, Marta, Francesco, Stefano, Francesco, Michele, Mauro, Matthias, Carlo Alberto, Mattia, Gianmaria, Gioele, Vladimir, Francesco, Lorenzo, Saverio, Anik, Samuele, Alessio, Andrea e Francesco: meritano tutti di essere citati i nomi dei ragazzi, provenienti da Piemonte, Liguria, Lombardia, Lazio, Trentino Alto Adige, Umbria, Veneto e uno anche dalla Sardegna – sostituendo, quest’ultimo, la neve con la sabbia, durante gli allenamenti – che avranno l’onore di rappresentare l’Italia a questa grande festa di sport in Estremo Oriente.
La rosa azzurra, composta esattamente da 57 sportivi, tra atleti e tecnici, gareggerà nello sci nordico, nello sci alpino, nello snowboard e nella corsa con le racchette da neve. Per la prima volta, inoltre, nella storia del movimento italiano, parteciperà anche una squadra di floor hockey unificato (derivazione dell’hockey su ghiaccio), composta da atleti con e senza disabilità intellettiva.

Da ricordare infine che per coprire i costi della trasferta della squadra italiana, Special Olympics Italia ha lanciato anche la campagna di raccolta fondi denominata Adota un Campione, con un testimonial d’eccezione come l’ex campione azzurro dello sci alpino Giorgio Rocca, che per tale occasione ha dichiarato: «Sono orgoglioso di essere testimonial di Special Olympics Italia per questa importante trasferta. Diventate Fan come me del coraggio e della determinazione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@specialolympics.it.

Stampa questo articolo