Un’ottima occasione per ascoltare anziché per parlare

Vista la quasi totale assenza delle persone con disabilità e delle loro famiglie, nei programmi di chi si presenterà presenteranno alle prossime elezioni, probabilmente non sarebbe fuori luogo pensare a un po’ di “scuola di disabilità” per tutti i candidati! E intanto Giorgio Genta li invita tutti il 16 febbraio al convegno di Loano (Savona), sul lavoro di cura familiare, dove potrebbero imparare parecchie cose utili…

Studenti di scuola serale fotografati alle spalle

Forse non farebbe male, ai candidati alle prossime elezioni, andare un po’ “a scuola di disabilità”!

I candidati alle elezioni politiche “a scuola di disabilità”? Non tremino i futuri rappresentanti del Popolo Sovrano! Non è una condizione imprescindibile per la loro futura elezione, ma una “semplice” opportunità di arricchimento personale (culturale, intendiamoci bene!), per trattare con proprietà – oggi in campagna elettorale e soprattutto domani, se eletti, in Parlamento – le necessità delle persone con disabilità e delle loro famiglie, Cittadini praticamente assenti dai programmi dei partiti e dei raggruppamenti politici per le ormai imminenti elezioni del 24 e 25 febbraio.

In tal senso, pur immaginando che in quest’ultimo periodo di campagna elettorale l’attività sia quanto mai frenetica, se i candidati riusciranno tuttavia a ritagliarne qualche ora il 16 febbraio prossimo, sono tutti invitati a partecipare al convegno sul lavoro di cura familiare che si terrà nella sala consiliare del Comune di Loano (Savona), a partire dalle 9.
Sarebbe finalmente un’occasione utile per ascoltare anziché per parlare, e ascoltare le esigenze, spesso drammatiche, delle persone con disabilità gravissima e delle famiglie che si prendono cura domiciliarmente di loro. Ascoltando, inoltre, le proposte che partono dalle famiglie stesse (un ottimo esempio di democrazia partecipata) e che un domani, come eletti, i candidati sarebbero chiamati a trasformare in provvedimenti legislativi.
Li aspettiamo tutti a Loano!

Associazione Dopodomani ONLUS; Federazione Italiana ABC (Associazione Bambini Cerebrolesi).

Stampa questo articolo