Ti racconto la mia storia (e mi confronto)

Si chiama così il video realizzato dall’associazione bolognese degli Amici di Luca, che il 9 febbraio, in occasione della Terza Giornata Nazionale degli Stati Vegetativi, sarà al centro del programma in onda sulle emittenti emiliane È TV e Rete 7, interamente dedicato ai delicati problemi vissuti dalle famiglie di persone in stato vegetativo e di minima coscienza

Alessandro Bergonzoni

L’attore Alessandro Bergonzoni davanti alla Casa dei Risvegli Luca De Nigris di Bologna, della quale è testimonial “storico”

In occasione della Terza Giornata Nazionale degli Stati Vegetativi del 9 febbraio, in quella stessa giornata andrà in onda un programma, sulle emittenti emiliane È TV (canale digitale 119, ore 16.30) e Rete 7 (ore 23), incentrato sul video Ti racconto la mia storia (e mi confronto), realizzato dall’associazione bolognese degli Amici di Luca, nell’ottobre dello scorso anno, durante la prima Conferenza Nazionale di Consenso delle Associazioni, evento del quale avevamo riferito ampiamente anche nel nostro giornale.

Nel corso del programma, condotto dal giornalista Giorgio Tonelli, interverranno l’attore Alessandro Bergonzoni testimonial “storico” della Casa dei Risvegli Luca De Nigris – l’innovativo centro pubblico bolognese rivolto a persone con esiti di coma e stato vegetativo – e Maria Vaccari, presidente degli Amici di Luca, insieme ad altri rappresentanti nazionali delle associazioni che si occupano di queste problematiche, oltreché con le testimonianze dirette di familiari che vivono la condizione di un proprio caro con esiti di coma e stato vegetativo.
Si parlerà in particolare dei diritti all’accesso e al percorso di riabilitazione globale, in base a un progetto personalizzato di assistenza sociosanitaria, dei centri di eccellenza, dell’applicazione delle Linee di Indirizzo per l’Assistenza alle Persone in Stato Vegetativo e Stato di Minima Coscienza, approvate nel maggio del 2011 dalla Conferenza Stato-Regioni e del coinvolgimento delle asssociazioni che rappresentano le famiglie, affinché si possa finalmente contrastare l’abbandono e la solitudine che le famiglie stesso vivono, nell’accudire un proprio caro. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: info@amicidiluca.it.

Stampa questo articolo