Prevenire l’osteoporosi nella distrofia di Duchenne

È quanto si propone uno studio focalizzato sui fattori di rischio per la perdita di densità ossea e per le fratture nella distrofia muscolare di Duchenne, che verrà finanziato grazie alla campagna promossa dall’Associazione Parent Project, denominata “SOStienilo anche tu. Ha la distrofia di Duchenne”, in corso sino al 24 febbraio

parent-project-campagna-2013

L’immagine scelta dall’Associazione Parent Project, per illustrare la campagna denominata “SOStienilo anche tu. Ha la distrofia di Duchenne”

L’ambizioso obiettivo che si prefigge l’associazione Parent Project con la propria campagna di raccolta fondi denominata SOStienilo anche tu. Ha la distrofia di Duchenne, in corso sino al 24 febbraio, è quello di finanziare il primo progetto di sperimentazione clinica focalizzato sullo studio dei fattori di rischio per la perdita di densità ossea e fratture nella distrofia muscolare di Duchenne.
Lo studio, che durerà due anni e sarà guidato da Maria Luisa Bianchi del Centro Malattie da Fragilità Metaboliche Ossee, presso l’Istituto Auxologico Italiano IRCCS di Milano, coinvolgerà sei centri clinici italiani.

«Si tratta – come viene spiegato dai rappresentanti di Parent Project – del primo studio clinico, condotto su settanta pazienti con distrofia di Duchenne di età compresa tra i 6 e i 18 anni, specificamente mirato a identificare e valutare i fattori metabolici e genetici associati a un alto rischio di perdita di massa ossea e di fratture. La scelta dei diversi parametri da studiare è stata determinata dall’analisi dei risultati ottenuti in precedenti studi, già pubblicati o in corso di pubblicazione, che hanno permesso di individuare – al di là dei già noti effetti della terapia steroidea e della ridotta funzione muscolare – almeno altri tre aspetti implicati nella genesi della fragilità ossea in questa malattia, vale a dire l’attivazione di citochine osteotropiche, l’alterazione del metabolismo della vitamina D e le caratteristiche genetiche associate alla malattia». (S.B.)

Per ogni informazione sulla campagna di raccolta fondi SOStienilo anche tu. Ha la distrofia di Duchenne, in corso dal 10 al 24 febbraio: ufficiostampa@parentproject.it.

Stampa questo articolo