Applicazioni sociali delle nuove tecnologie

Sono quelle promosse dalla Fondazione Vodafone Italia, tra le quali le più recenti si chiamano “Vodafone Big Launcher”, che facilita l’utilizzo dello smartphone a persone ipovedenti, anziane e a tutti coloro che hanno poca familiarità con le nuove tecnologie e “Vodafone HelpTalk”, che agevola le persone con ridotte capacità di comunicazione verbale o che parlano un’altra lingua

Social App "Vodafone Big launcher"

L’applicazione per smartphone “Vodafone Big Launcher”

Già da tempo la Fondazione Vodafone Italia – di cui ricordiamo tra l’altro il Progetto EasyWay sull’accessibilità, del quale ci siamo già ampiamente occupati – è impegnata nello sviluppo di servizi volti a migliorare la qualità della vita di tutte le persone. Rientrano ora in questo percorso anche le due nuove applicazioni (Social Apps) per smartphone Android, gratuite e utilizzabili da tutti, indipendentemente dall’operatore.
Si tratta esattamente di Vodafone Big Launcher, che facilita l’utilizzo dello smartphone a persone ipovedenti, anziane e a tutti i soggetti che in genere abbiano poca familiarità con le nuove tecnologie; e di Vodafone HelpTalk, che agevola le persone con ridotte capacità di comunicazione verbale e/o che parlano un’altra lingua.

Nello specifico, Vodafone Big Launcher permette di sostituire l’home screen del proprio smartphone con uno di maggiori dimensioni, ingrandendone immagini, icone e caratteri, agevolando la leggibilità e la semplicità di utilizzo e aiutando a distinguere più facilmente gli strumenti principali. Vodafone HelpTalk consente invece la riproduzione audio del messaggio, rappresentato da un’immagine nella schermata dello smartphone o inserito sinteticamente come testo. Ciò permette a chi ha difficoltà a comunicare verbalmente o a chi parla un’altra lingua di farsi comprendere dal proprio interlocutore.
Da segnalare anche la possibilità di personalizzare icone e messaggi, creando un profilo personale dal sito www.helptalk.mobi/it/. (P.S.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: paolascarsi@libero.it.

Stampa questo articolo