Barriere architettoniche, un atto di civiltà

È questo il tema principale della sesta edizione del Premio Anghiari “Parole, Suoni, Colori… per camminare insieme”, indetto dal Comune della città toscana e dedicato al mondo delle persone con disabilità, alle loro famiglie e agli operatori del settore. Vi si potrà partecipare entro il 20 aprile, tramite la narrazione, la musica o la rappresentazione grafica

Uomo in carrozzina non può entrare in edificio a causa dei gradiniSono aperte fino al 20 aprile le iscrizioni alla sesta edizione del Premio Anghiari Parole, Suoni, Colori… per camminare insieme, indetto dall’Ufficio Scuola e Politiche Sociali del Comune di Anghiari (Arezzo) e dedicato al mondo delle persone con disabilità, alle loro famiglie e agli operatori del settore. Il tema principale prescelto per quest’anno è Barriere architettoniche, un atto di civiltà.
Come dichiara esplicitamente già il titolo dell’iniziativa, ad essa si può concorrere tramite la narrazione (realtà vissute personali o prodotte dall’immaginazione; memorie autobiografiche; storie di vita; corrispondenza epistolare; novellistica; poesia), la musica (opere realizzate con qualsiasi strumento, con qualunque tema e contenuto) o la rappresentazione grafica (dipinti e pitture eseguite con tecnica libera, a scelta dell’autore e su qualunque soggetto).

«Il senso del nostro premio – scrive in apertura del bando l’assessore comunale di Anghiari alle Politiche Sociali, alla Scuola e alle Politiche Giovanili Giuseppe Ricceri – è dare voce a chi non ce l’ha, in una società sempre più velocizzata ed iper-produttiva, che in questo momento di crisi economica, impone grandi sacrifici alle persone, in special modo ai soggetti più deboli e fragili. Siamo una piccola realtà, che non si illude di cambiare il mondo, ma una pretesa l’abbiamo, quella di aver gettato un piccolo seme in questo enorme campo e che il piccolo fiore che nascerà sia un punto di riferimento per tante persone, per dire loro “non siete soli e non vi lasceremo soli”, affinché attraverso un modo nuovo di pensare il welfare e nuove risorse per esso, sia loro ridata quella dignità di cui parla la Costituzione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Segreteria del Premio Anghiari Parole, Suoni, Colori… per camminare insieme, tel. 0575 789522-3, premio.anghiari@gmail.com.

Stampa questo articolo