La libertà di muoversi

Ovvero “Freedom to move. L’accessibilità che vogliamo”, campagna per il turismo accessibile rivolta in particolare alle persone con disabilità motoria e alle loro famiglie, ideata dalla Fondazione Serena, che gestisce il Centro Clinico NEMO (NeuroMuscular Omnicentre) dell’Ospedale Niguarda di Milano. L’avvio ufficiale dell’iniziativa è previsto tra poco più di cinque giorni

Giovane in carrozzina nell'Acropoli di Atene, con alcuni amici

Un giovane in carrozzina visita insieme ad alcuni amici l’Acropoli di Atene

Come avevamo annunciato nei giorni scorsi, è ormai imminente l’avvio di Freedom to move. L’accessibilità che vogliamo, innovativa campagna per il turismo accessibile, rivolta in particolare alle persone con disabilità motoria e alle loro famiglie, ideata dalla Fondazione Serena, che gestisce il Centro Clinico NEMO (NeuroMuscular Omnicentre) dell’Ospedale Niguarda di Milano. Nel sito dedicato, infatti, il conto alla rovescia parla di poco più di cinque giorni dall’inizio ufficiale.

«E se potessimo prenotare le vacanze – si chiede Valentina Colini, fundraiser della Fondazione Serena – in località accessibili senza brutte sorprese all’arrivo? All’apparenza si tratta di un’esigenza semplice, ma molto spesso la realtà è ben più complessa. Questa nostra iniziativa nasce dal confronto continuo con i pazienti del Centro NEMO, affetti da disabilità motorie, che spesso raccontano della difficoltà nell’accessibilità a un locale o a un hotel, come della sempre più chiara consapevolezza che il nostro Paese debba ancora compiere enormi passi avanti rispetto alla fruibilità delle strutture alberghiere e alla vivibilità delle stesse, per evitare che la prenotazione delle vacanze diventi un’operazione faticosa e complessa».
Dopo l’avvio dell’iniziativa, per altro, la prospettiva di Freedom to move sarà quella di crescere, creando reti virtuose per sviluppare la cultura dell’accessibilità e allargando il proprio campo di azione non solo alle strutture alberghiere, ma anche a ristoranti, cinema e musei, fino a creare veri e propri “itinerari del gusto e del bello”.

Voluta, come detto, dalla Fondazione Serena, la campagna ha visto la collaborazione del portale di prenotazioni alberghiere Hotel.info e della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), in particolare con le Sezioni di Pavia, Roma, Torino e Verona di tale Associazione. Insieme a loro, infatti, sono state selezionate e verificate, sulla base del loro livello di accessibilità, alcune strutture alberghiere italiane, dove chi lo desidera potrà trascorrere le proprie vacanze in serenità già a partire da questi mesi. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: elena.inversetti@centrocliniconemo.it.

Stampa questo articolo