Disabilità ed economia: gli oneri e i benefìci

Si parlerà anche di disabilità, al Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa, in svolgimento a Napoli, e a farlo sarà Guido Migliaccio, docente dell’Università del Sannio di Benevento, che durante un incontro sulle pari opportunità, in programma il 12 aprile, si soffermerà sull’inserimento delle persone con disabilità nei processi produttivi

Giovane uomo in carrozzina al lavoro alla scrivaniaÈ in pieno svolgimento a Napoli, e si concluderà il 13 aprile, il Salone Mediterraneo della Responsabilità Condivisa, che tra i tanti eventi di questi giorni, proporrà oggi, venerdì 12 aprile (Mostra d’Oltremare, Sala Vip Lounge, Padiglione 4), l’incontro denominato Pari Opportunità, evoluzioni e prospettive in tempo di crisi, centrato sull’analisi di quanto fatto in Campania, a partire dal 2012, per applicare la Carta per le Pari Opportunità e l’Uguaglianza sul Lavoro, iniziativa lanciata in Italia da alcuni anni, sulla scia di quanto analogamente fatto precedentemente in Francia e Germania.

In tale contesto – tra gli interventi di numerosi rappresentanti istituzionali, del mondo sociale e di quello accademico -, ve ne sarà anche uno interamente dedicato alla disabilità, vale a dire quello di Guido Migliaccio, docente dell’Università del Sannio di Benevento, che si soffermerà sul tema Disabilità ed economia: una comparazione oneri/benefici tangibili e intangibili dell’inserimento delle persone “diversamente abili” nei processi produttivi, sviluppando la questione in una prospettiva prevalentemente economica, sia con riferimento al sistema economico generale che rispetto alle dinamiche aziendali relative al cosiddetto “disability management”, dando spazio anche ai profili etici e ai “prodotti culturali” rivolti alle persone con disabilità. (S.B.)

Il programma dell’incontro è disponibile nel sito del Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa di Napoli. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: gumiglia@teletu.it.

Stampa questo articolo