E se questo succede dove l’attenzione è alta…

Da nessuna parte del nostro Paese il rifacimento di un marciapiede dovrebbe “dimenticare” di predisporre lo scivolo davanti alle strisce pedonali, per consentire l’attraversamento a una persona in carrozzina. Se poi succede anche in un territorio come quello bolognese, proverbialmente noto per la sua attenzione ai problemi dei Cittadini più deboli, si può davvero sperare che gli Amministratori rimedino alla “dimenticanza”…

Casalecchio di Reno (Bologna), rotatoria che porta all'IKEA

Uno dei marciapiedi “incriminati” di Casalecchio di Reno (Bologna)

È possibile aspettarsi da un territorio proverbialmente noto per la sua attenzione ai problemi dei Cittadini più deboli, che in occasione del rifacimento (recente) di un marciapiede, presso una zona commerciale di grande passaggio, vengano predisposti gli scivoli, davanti alle strisce pedonali, per consentire l’attraversamento a una persona in carrozzina? Crediamo che non solo dovrebbe essere possibile, ma andrebbe semplicemente fatto, anche tenendo conto di norme nazionali e locali ormai più che ventennali. Eppure…

Eppure accade, come segnalatoci dal Lettore Alberto Coppini, che i marciapiedi da poco risistemati, all’altezza della rotatoria che immette all’IKEA di Casalecchio di Reno (Bologna), siano proprio così come li si vede nella foto qui a fianco pubblicata, con una situazione analoga dall’altra parte della strada (anche la seconda immagine che lo documenta è disponibile presso la nostra redazione).
«Una “disattenzione” particolarmente stridente e inaccettabile – rileva Coppini – in un territorio come quello di Bologna». Condividiamo, naturalmente, pur aggiungendo che ciò è del tutto inaccettabile in qualunque territorio del nostro Paese.
Nel caso specifico, comunque, ci auguriamo che anche gli Amministratori del Comune di Casalecchio di Reno abbiano l’occasione di leggere questa nostra nota e ne sappiano far tesoro. (S.B.)

Stampa questo articolo