Attività e terapie assistite con l’asino

Si chiama così la bella iniziativa all’insegna dell’onoterapia – strategia che prevede il contributo dell’asino per intervenire su disagi di carattere relazionale e comportamentale (e non solo) – proposta dall’Equipark di Salò (Brescia), noto anche come “Il parco degli asinelli”, e consistente in un corso di formazione per operatori, in programma alla metà di giugno

Disegno con un bimbo e un asinoNon è la prima volta che nel nostro giornale ci occupiamo di onoterapia, ovvero di quella strategia che prevede il contributo dell’asino per intervenire su disagi di carattere relazionale e comportamentale, e non solo.
Un’altra bella iniziativa in questo àmbito arriva ora da Equipark, noto anche come “Il parco degli asinelli”, nel territorio comunale di Salò (Brescia), presso il Lago di Garda, che ha promosso per i giorni dal 14 al 16 giugno (ma le iscrizioni dovranno pervenire entro il 20 maggio), il corso di formazione denominato Attività e terapie assistite con l’asino, rivolto a personale medico, paramedico, socio-assistenziale ed educativo, operante nel settore psichiatrico, neuropsichiatrico,  riabilitativo, educativo e assistenziale.

L’iniziativa – attuata in collaborazione con il sito «Lavoro Salute.it» e con il patrocinio della Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano – si articolerà, come detto, in tre giornate alla metà di giugno e sarà divisa in sei moduli, dedicati rispettivamente alla Persona, all’Animale, al Contesto, alla Progettazione e al contatto e (le ultime due) alle Attività e terapie assistite.
Il primo modulo (La persona in difficoltà: disabilità e handicap, panoramica sulle patologie e minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali) sarà condotto da Luigi Croce dell’Università Cattolica (sede di Brescia), componente del Comitato Scientifico Nazionale dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale).
Il secondo (Valutazione etologica: caratteristiche, peculiarità e potenzialità. Anatomia funzionale dell’asino. Cenni normativi e igienico-sanitari) da Alessandro Bonsignori, veterinario di Ghedi (Brescia).
Il terzo (I soggetti invianti, l’équipe, il progetto e gli obiettivi, l’attività, gli strumenti) e il quarto (Progetto e realizzazione di intervento. Avvicinamento e contato: grooming – cura . abituazione) da Maddalena Wegher, presidente dell’Associazione Un Asino per Amico di Villazzano (Trento).
Il quinto e il sesto (Preparazione incontro con il paziente – analisi e valutazione) da Carolina Bazzi, psicologa specializzata in psicologia animale, onoterapia e ippoterapia e da Silvia Allegri, insegnante ed esperta in didattica e riabilitazione con gli animali, autrice del libro Il raglio magico. Divagazioni intorno alla figura di un animale frainteso (Rovereto, Osiride, 2012). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: corso2013@equipark.it.

Stampa questo articolo