Accreditamento Sanitario per il Centro Protesi INAIL

Tale passaggio – avvenuto tramite una Determinazione della Regione Emilia Romagna – oltre a inserire di fatto la struttura di Vigorso di Budrio (Bologna) nella rete dei servizi riabilitativi regionali, consentirà ad essa di lavorare secondo gli standard necessari per la stipula di eventuali accordi con tutte le Regioni, allo stesso livello, quindi, delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate

Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio (Bologna)

Il Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio (Bologna)

Con la Determinazione n. 3328 del 5 aprile scorso, la Regione Emilia Romagna ha concesso l’Accreditamento Sanitario al Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio (Bologna), inserendo di fatto la struttura nella rete dei servizi riabilitativi regionali.
«Già nel Decreto del 1984 che disciplina le attività del Centro Protesi – spiega Duccio Orlandini, direttore sanitario del Centro -, era stata prevista la possibilità di fornire prestazioni protesiche/riabilitative a favore degli assistiti del Servizio Sanitario Nazionale, sulla base di apposite convenzioni. L’Accreditamento, però, ci consentirà ora di lavorare secondo gli standard necessari per la stipula di eventuali accordi con tutte le Regioni, collocandoci di fatto allo stesso livello delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate».
«È evidente – aggiunge Orlandini – che per noi tutti è una grande soddisfazione avere raggiunto un traguardo considerato strategico per l’attività del Centro, ciò che ha richiesto due anni di grande impegno, in particolare da parte del Gruppo di Lavoro Multidisciplinare che ho avuto il compito di coordinare».
Da segnalare anche che sempre il Centro Protesi INAIL ha recentemente ottenuto il rinnovo per quattro anni della Certificazione ISO 9001, con il riconoscimento di un sistema di qualità aziendale definito «tecnicamente  “maturo”». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Simona Amadesi, responsabile Comunicazione del Centro Protesi INAIL (s.amadesi@inail.it).

Stampa questo articolo