Petizione per una metropolitana milanese accessibile

L’iniziativa – lanciata in internet – chiede che l’ATM (Azienda Trasporti Milanesi), accusata di chiudere i bialnci «con utili milionari», ma di non trovare «il denaro da investire per garantire l’accessibilità alle persone con disabilità», renda finalmente fruibili le Linee 1 e 2 della Metropolitana di Milano, tramite l’installazione di ascensori funzionanti in tutte le stazioni

Stazione della Linea 1 della Metropolitana di Milano

Una stazione della Linea 1 della Metropolitana di Milano

Una petizione è stata lanciata in internet da Flavio Mobiglia, per ottenere che le Linee 1 e 2 della Metropolitana di Milano diventino finalmente accessibili alle persone con disabilità in carrozzina, tramite l’installazione di ascensori – possibilmente funzionanti – in tutte le stazioni.

«Attualmente – si scrive infatti nel testo della petizione – i montascale non sono presenti che in alcune fermate e spesso succede che siano danneggiati o malfunzionanti».
In riferimento poi al costo del biglietto, esso, si dichiara «è raddoppiato in un decennio», mentre su un altro versante l’ATM (Azienda Trasporti Milanesi), pur chiudendo i bilanci «con utili milionari», non trova «il denaro da investire per garantire l’accessibilità alle persone con disabilità». Un fatto, quest’ultimo, che viene ritenuto «iniquo, vergognoso e anticostituzionale».
La richiesta, quindi, che sta alla base dell’iniziativa è quanto mai chiara e netta: «L’ATM deve garantire un servizio pubblico accessibile a tutti». (S.B.)

Tutti possono aderire alla petizione lanciata da Flavio Mobiglia, nello spazio del web ad essa dedicato.

Stampa questo articolo