Crescono le malattie oculari e se ne parla troppo poco

Cataratta, degenerazione maculare senile e glaucoma sono malattie responsabili di oltre l’80% dei casi di cecità e ipovisione nelle persone con più di 65 anni e la metà delle persone che ne sono affette non si cura, rischiando quindi gravi danni alla vista. Per informare e favorire il contatto con gli specialisti, l’Associazione Per Vedere Fatti Vedere ha organizzato un nuovo incontro, per il 18 maggio a Milano

Primo piano di occhio bluIl progressivo invecchiamento della popolazione determina anche l’aumento di malattie legate all’età, tra cui le più gravi sono quelle oculari e in particolar modo la cataratta, la degenerazione maculare senile (DMS o DMLE) e il glaucoma. Queste ultime sono responsabili di oltre l’80% dei casi di cecità e ipovisione nelle persone con più di 65 anni. Basti pensare a quanto preoccupino i soli dati riferiti alla Lombardia: qui si stima infatti che più di un milione di persone siano affette da una forma di maculopatia a vari stadi di gravità e che 120.000 siano i pazienti con glaucoma. Il dato più allarmante, poi, è che la metà di tutte queste persone non è nemmeno consapevole di avere queste malattie e non si cura, rischiando quindi gravissimi danni alla vista.

«Purtroppo oggi – dichiara Pasquale Troiano, presidente dell’Associazione Per Vedere Fatti Vedere – queste patologie sono ancora poco conosciute dagli italiani. Solo il 14% dei cittadini, infatti, sa che cos’è la degenerazione maculare senile, responsabile, da sola, del 50% dei casi di ipovisione e cecità in Italia. È quindi fondamentale informare la popolazione, evidenziare i sintomi precoci a cui prestare attenzione, istruire su appropriati stili di vita e alimentazione, nonché aumentare la consapevolezza sulla necessità di conoscere e prevenire l’insorgenza di queste patologie e di diagnosticarle tempestivamente, attraverso controlli regolari dall’oculista».

Alla luce di tutto ciò, anche quest’anno Per Vedere Fatti Vedere ha deciso di organizzare – nell’àmbito del Congresso Internazionale della SOI (Società Oftalmologica Italiana), in corso di svolgimento a Milano – un incontro libero e gratuito, dove pazienti e medici oculisti specializzati si potranno incontrare, per fare insieme il punto sulle terapie disponibili e sulle ricerche di nuove cure per patologie tanto subdole e invalidanti come quelle di cui si parla.
L’appuntamento è quindi per sabato 18 maggio a Milano (Milano Congressi, Via Gattamelata, 5, ore 10-13). «Per i pazienti – sottolinea ancora Troiano – sarà anche una rara opportunità per incontrarsi, confrontarsi, condividere le esperienze e fare rete, ciò che è fondamentale in un momento così critico per l’accesso e la rimborsabilità delle cure». (L.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@pervederefattivedere.it.

Stampa questo articolo