Un’asta per combattere la sclerodermia

«La voglia di vivere e raccontarsi che questi artisti esprimono nelle proprie creazioni e la solidarietà di tanti amici, sono le stesse motivazioni che da vent’anni ci spingono ad essere accanto agli ammalati di sclerodermia, informando sull’importanza di una diagnosi precoce e finanziando progetti di ricerca»: così il GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia) presenta l’asta di solidarietà del 23 maggio a Milano

Livio Cazzaniga, "I ciclamini della Brianza"

“I ciclamini di Brianza” di Livio Cazzaniga sarà una delle opere battute all’asta il 23 maggio a Milano. Il ciclamino, lo ricordiamo, è il fiore simbolo del GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia)

Tante opere e oggetti, spaziando dal decoupage pittorico alla pittura su vetro e tela, ma anche con un quadro di anonimo del Settecento, piccoli gioielli, due opere dei maestri contemporanei Giampietro Maggi e Livio Cazzaniga e un acquarello di ciclamini, simbolo del GILS, di una giovane artista milanese: tutto ciò animerà l’asta di solidarietà promossa dal GILS (Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia), in programma giovedì 23 maggio a Milano (Sala Barozzi dell’Istituto dei Ciechi, Via Vivaio, ore 18-21).
A battere le opere e gli oggetti – donati da amiche, soci e simpatizzanti dell’Associazione promotrice – sarà Claudio Malberti e il ricavato andrà a progetti di ricerca dell’Immunologia della Fondazione IRCCS Ca’ Granda del Policlinico di Milano e alla Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda, sempre di Milano.

«La voglia di vivere e raccontarsi – spiegano i responsabili del GILS -, che questi artisti esprimono nelle proprie creazioni e la solidarietà di tanti amici, sono le stesse motivazioni che da vent’anni ci spingono ad essere accanto agli ammalati, informando sull’importanza di una diagnosi precoce, finanziando continui progetti di ricerca e cercando di essere presenti in tutta Italia».
Rara malattia autoimmune, cronica ed evolutiva, detta anche sclerosi sistemica, la sclerodermia – lo ricordiamo – colpisce in prevalenza le donne ed è caratterizzata principalmente dalla fibrosi della cute, ma può nel tempo estendersi anche agli organi interni, coinvolgendo ad esempio l’apparato gastrointestinale, i polmoni, i reni e il cuore. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Valentina Rizzotti (vrizzotti@studiotm.org).

Stampa questo articolo