“Walk of Life” a Napoli: una grande festa di solidarietà

È in programma per il 26 maggio a Napoli una nuova tappa di “Walk of Life 2013”, iniziativa articolata su numerose gare podistiche, in altrettante città italiane, promossa da Telethon, per aiutare la ricerca a compiere nuovi passi in avanti verso la cura delle malattie genetiche. Un’occasione in cui tutte le anime di Telethon (pazienti, volontari, ricercatori e aziende partner) si riuniranno in una grande festa di solidarietà

Walk of Life a Catania, 19 maggio 2013

Oltre seicento atleti alla gara competitiva e migliaia di famiglie a quella non competitiva, hanno partecipato il 19 maggio alla tappa di Catania di “Walk of Life 2013”

Sempre all’insegna dello slogan Corri per chi ha una malattia genetica in attesa di una cura, le vie del centro di Napoli si trasformeranno domenica 26 maggio in un percorso podistico, per la Walk of Life, l’iniziativa della Fondazione Telethon a favore della ricerca sulle malattie genetiche che prevede sei mini-maratone di 10 chilometri in altrettante città italiane.
La gara podistica, cui sarà abbinata una passeggiata non competitiva di 5 chilometri, partirà da Via Caracciolo (ore 8.45 la competitiva, ore 10 la non competitiva), dove è previsto anche l’arrivo.

A quattro mesi dall’evento televisivo di dicembre, quindi, e a un anno di distanza dalla prima edizione di Walk of Life, la maratona di Telethon ritorna tra la gente, nelle strade delle principali città italiane. Il motivo è semplice: la ricerca non può fermarsi e ora che il traguardo della cura, per alcune malattie, è più vicino, vanno intensificati gli sforzi.
Dopo la gara inaugurale di Roma del 21 aprile scorso e quella di Catania del 19 maggio, le successive città coinvolte saranno Parma (2 giugno), Torino e Milano (29 settembre), cui si stanno aggiungendo tante altre manifestazioni podistiche in tutta Italia, che hanno scelto di gemellarsi a Telethon, tra cui la Bavisela di Trieste, la Mezza Maratona di Genova e la Venice Marathon.
Ciascuna città avrà la sua coppia di protagonisti, a cui la corsa verrà idealmente dedicata. A Napoli, ad esempio, si correrà per Gabriele e per Diego di Bernardo. Il primo è un bimbo affetto da atrofia muscolare spinale di tipo 2 la (SMA II), il secondo, bio-ingegnere napoletano, rappresenterà la squadra dei ricercatori del TIGEM (Istituto Telethon di Genetica e Medicina), in cui dirige un gruppo che si occupa di biologia computazionale, ovvero di un approccio particolare allo studio delle malattie genetiche, che vengono viste di fatto come un “circuito” in cui si è rotto un componente.

Alla presentazione dell’iniziativa nel capoluogo campano, hanno partecipato i rappresentanti delle Istituzioni, delle associazioni sportive, delle aziende partner e i volontari impegnati. Al fianco dell’assessore comunale allo Sport, alle Politiche Giovanili, alle Politiche Familiari e alle Pari Opportunità, Giuseppina Tommasielli, sono intervenuti il direttore della raccolta fondi Telethon Alessandro Betti, il direttore della comunicazione di Ferrarelle Michele Pontecorvo e il presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Napoli Sport Events Domenico Scognamiglio.
«Da anni – ha dichiarato in tale occasione l’assessore Tommasielli – Telethon destina i contributi di beneficenza raccolti alla ricerca scientifica che, nella nostra Regione e in particolare nella nostra città, raggiunge punte di eccellenza e di rilievo nazionale e mondiale, grazie all’Istituto TIGEM. Le malattie genetiche rare, proprio per la loro negativa straordinarietà, non fruiscono dei normali canali di finanziamento delle case farmaceutiche, che sono naturalmente molto attente al core business della sanità, escludendo di fatto tutte le patologie poco diffuse. Anche quest’anno, dunque, il Comune di Napoli favorisce le iniziative di Telethon, attraverso il benefico connubio tra salute e sport. La maratona per gli atleti e le passeggiate aperte a tutti faranno da cornice al Villaggio della Ricerca che divulgherà le finalità dell’iniziativa».
«Walk of Life – ha aggiunto dal canto suo Alessandro Betti – è un’occasione nella quale tutte le anime di Telethon si riuniscono in una grande festa di solidarietà: pazienti, volontari, ricercatori e aziende partner. In particolare per i napoletani questo vuol dire anche unirsi ai ricercatori del TIGEM e fare il tifo per la corsa che stanno facendo verso la cura delle malattie genetiche, la quale – specie in quest’ultimo anno – ha registrato importanti successi. Sappiamo quanto Napoli sia vicina al TIGEM e a Telethon e confidiamo in una partecipazione, come sempre, molto affettuosa». (Ufficio Stampa Telethon)

L’adesione a Walk of Life prevede una donazione a Telethon di 10 euro (5 euro per i bambini fino a 12 anni) che dà diritto al ritiro di un “pacco gara” contenente la maglietta dell’iniziativa e prodotti esclusivi forniti dagli sponsor locali e nazionali. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@telethon.it.

Stampa questo articolo