Bello, il cinema audiodescritto!

Dopo una prima apprezzata esperienza nel 2012, una nuova proiezione audiodescritta per persone non vedenti e ipovedenti è in programma per il 27 maggio all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, a cura del Servizio di Ateneo per le Attività degli Studenti con Disabilità e grazie all’impegno dell’UNIVOC locale (Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi). Sullo schermo “Gli abbracci spezzati” di Pedro Almodóvar

Penelope Cruz nel manifesto del film "Gli abbracci spezzati"

Penelope Cruz è la protagonista del film “Gli abbracci spezzati”, che il 27 maggio verrà proiettato a Napoli con audiodescrizione

Aveva riscosso un notevole successo, lo scorso anno, la proiezione audiodescritta per persone non vedenti e ipovedenti, del film Si può fare, all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, a cura del SAAD (Servizio di Ateneo per le Attività degli Studenti con Disabilità) di tale Ateneo e grazie all’impegno dell’UNIVOC locale (Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi).
Un’iniziativa, questa, della quale anche il nostro giornale si era occupato, voluta per portare nuovi spunti di riflessione sulla complessa questione della fruizione delle molteplici forme di arte, cultura e tempo libero, da parte delle persone con disabilità.

L’interessante esperienza sta ora per ripetersi, sempre all’Università Suor Orsola Benincasa (Corso Vittorio Emanuele, 292), ciò che succederà esattamente lunedì 27 maggio (ore 11), con la proiezione audiodescritta del film Gli abbracci spezzati, diretto nel 2009 da Pedro Almodóvar e interpretato tra gli altri da Penelope Cruz, opera che racconta la storia di un affermato regista, diventato cieco dopo un incidente stradale, che decide di ripartire con una nuova vita, cambiando anche nome, ma che un nuovo evento “risucchierà” nel suo drammatico passato. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: saad.progetti@unisob.na.it, univocna@univoc.org.

Stampa questo articolo