A Montesilvano una nuova edizione di “Parole nel buio”

Dopo una prima, felice esperienza alla fine del 2011, sta per tornare l’8 giugno a Montesilvano (Pescara) l’evento denominato “Parole nel buio – Uno sguardo attraverso gli occhi”, con la voce narrante dell’attrice Cinzia Leone, che leggerà una serie di testi, accompagnati da esecuzioni musicali, a un pubblico di persone bendate, insieme a dei non vedenti, ove i ruoli letteralmente si capovolgeranno

Cinzia Leone

L’attrice Cinzia Leone sarà la voce narrante della nuova edizione di “Parole nel buio” a Montesilvano (Pescara)

Saranno quasi cento i partecipanti alla nuova edizione di Parole nel buio – Uno sguardo attraverso gli occhi della mente, originale reading letterario in programma per sabato 8 giugno a Montesilvano, nei pressi di Pescara (Sala Di Giacomo di Palazzo Baldoni, ore 19.30), evento durante il quale i presenti verranno bendati, mentre l’attrice Cinzia Leone leggerà dei testi accompagnati da esecuzioni musicali.
A promuovere l’iniziativa è l’Associazione di Promozione Sociale e Culturale E20 Sociali-Laboratori Sensoriali di Sulmona (l’Aquila), con il contributo dell’Associazione Culturale Backstage ONLUS di Avezzano (l’Aquila) e del Comune di Montesilvano (Assessorato con Delega alla Disabilità, Ufficio Disabili e Nuova Scuola Comunale di Musica).

«La nostra Amministrazione Comunale – ha dichiarato in sede di presentazione l’assessore comunale con Delega alla Disabilità Enea D’Alonzo – ha voluto fortemente questo evento, perché iniziative come questa sono importantissime per combattere le barriere materiali e culturali della città. Montesilvano è impegnata in prima linea in questa battaglia di civiltà, condotta quotidianamente dall’Ufficio DisAbili del Comune, guidato da Claudio Ferrante e dai suoi collaboratori che ringrazio».
«L’incontro – ha spiegato poi lo stesso Ferrante – coinciderà con un fortissimo scambio emozionale e sensoriale tra persone non vedenti e “normodotate” in cui i ruoli letteralmente si capovolgeranno». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@ufficiodisabili.it.

Stampa questo articolo