I Di.Di. (Diversamente Disabili) in gara a Imola

Commercianti, impiegati, meccanici e anche un dentista, insieme a Emiliano Malagoli e Matteo Baraldi: sono i Di.Di. (Diversamente Disabili), che da quest’anno animano la prima competizione motociclistica cui partecipano solo piloti artolesi, che hanno già conquistato la stima di tanti grandi campioni. E l’8 e il 9 giugno saranno in gara al Circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola

Mugello 2013: Emiliano Malagoli, Valentino Rossi e Matteo Baraldi

Emiliano Malagoli e Matteo Baraldi al Mugello, insieme a Valentino Rossi, in occasione della Gara di Motomondiale del 2 giugno scorso

Sarà l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola (Bologna) a ospitare sabato 8 e domenica 9 giugno il secondo appuntamento stagionale del Trofeo Di.Di. Diversamente Disabili, all’interno del Bridgestone Champions Challenge, la prima competizione motociclistica a schierare soltanto piloti artolesi.
Ma chi sono esattamente i Di.Di.? Si tratta di un’Associazione con sede a Lucca, nata da un’iniziativa avviata nel gennaio di quest’anno da Emiliano Malagoli e Matteo Baraldi, entrambi portatori di protesi, alla gamba destra sotto il ginocchio il primo, al braccio destro sopra l’articolazione il secondo. Sono stati proprio due incidenti in moto, su strada, a determinare queste conseguenze, ma al tempo stesso la loro smodata voglia di tornare in sella li ha portati a “guarire” dalla ferita più profonda, quella psicologica. Baraldi, ad esempio, che ha perso il braccio destro nel 2001, ha combattuto persino delle battaglie legali per riavere la patente per la moto, e ancora più difficile è stato ottenere la licenza per correre in pista.
Alla griglia di partenza di queste gare ci sono commercianti, impiegati, meccanici e anche un dentista: tutte persone che fino a poco tempo fa non avrebbero mai nemmeno immaginato di potersi schierare al via di una gara di velocità in pista, in sella a moto da 600 e 1000 centimetri cubici.

Con il loro coraggio e la grande determinazione, poi, Malagoli e Baraldi – insieme a tutti i piloti che si sono “arruolati” per l’iniziativa – hanno già conquistato la stima dei grandi campioni: alla gara del debutto, ad esempio, sul Circuito del Levante Binetto (Bari), nel marzo scorso, sono arrivati sia l’ex campione del mondo Marco Lucchinelli che il re delle gare di endurance Dario Marchetti, i quali hanno indossato tuta e casco per compiere il giro di formazione insieme ai “Diversamente Disabili”. Alla gara di Misano (Rimini), poi, c’era il due volte campione del mondo Manuel Poggiali, che non ha voluto mancare l’occasione per osservare i progressi di Emiliano Malagoli, già suo “allievo” nei corsi in pista. E ai box erano presenti Marco Melandri, Paolo Simoncelli – babbo dell’indimenticato “Sic” – e Frankie Chili.
E ancora, in visita al Motomondiale al Mugello, il 1° e 2 giugno, sono arrivati i complimenti di Valentino Rossi, che si è soffermato a parlare con Emiliano e Matteo, chiedendo loro informazioni sul campionato e sulle moto con cui corrono.
Manifestazioni di solidarietà, infine, sono giunte anche, tra gli altri, da Max Biaggi, Loris Capirossi, Randy Mamola, Alex De Angelis, Lucio Cecchinello, oltre che dai giornalisti specializzati Nico Cereghini e Guido Meda.

Ospite d’onore a Imola sarà il pilota della Moto 2 Mattia Pasini e ci sarà anche il “Dottor Costa”, ovvero Claudio Costa, fondatore della “clinica mobile” nelle gare mondiali di motociclismo.
Per quanto riguarda infine il calendario dell’evento, dopo le qualifiche di sabato 8, la gara della Classe 1000 è in programma per domenica 9 alle 9.30 e quella della Classe 600 alle 10.15. (F.L.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@diversamentedisabili.it (Fiammetta La Guidara).

Stampa questo articolo