Luigi Querini nuovo Presidente della UILDM

Già Presidente per quasi vent’anni della Sezione di Pordenone dell’Associazione, Luigi Querini è il nuovo Presidente Nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), come stabilito dalla nuova Direzione Nazionale, emersa dall’Assemblea di Lignano Sabbiadoro (Udine) alla fine di maggio. Querini succede ad Alberto Fontana, che era stato Presidente della UILDM dal 2004 a quest’anno

Luigi Querini (foto di Claudio De Zotti)

Il nuovo presidente nazionale della UILDM Luigi Querini (foto di Claudio De Zotti)

Pordenonese, classe ’54, Luigi Querini, persona con disabilità, è il nuovo presidente nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), Associazione nella quale è stato dal ’94 ad oggi Presidente della Sezione di Pordenone.
Querini succede ad Alberto Fontana, presidente nazionale dal 2004 al maggio scorso, quando a Lignano Sabbiadoro (Udine) è stata rinnovata la Direzione Nazionale dell’Associazione, “alleggerita” da tredici a nove membri, come previsto dal nuovo Statuto.
In tal senso, Enzo Marcheschi (Pisa), Matteo Falvo (Verona) e Antonella Vigna (Omegna) sono stati confermati nelle rispettive cariche di Vicepresidente, Segretario e Tesoriere. Confermati anche i Consiglieri Carlo Fiori (Brescia), Francesco Lombardo (Catania) e Maria Macrì (Chiaravalle Centrale), mentre le new entry – insieme allo stesso Querini – sono costituite da Roberto Maggi (Lecco) e Anna Mannara (Salerno).

Nei prossimi giorni – come si potrà vedere anche nel sito nazionale dell’Associazione – verranno formalizzate le varie deleghe di lavoro attribuite ai Consiglieri, nell’àmbito di un ampio Programma di Lavoro Triennale, mirato da una parte agli obiettivi “storici” della UILDM – il sostegno alla ricerca scientifica sulle malattie neuromuscolari e il miglioramento della qualità della vita di tutte le persone con disabilità – dall’altra a collaborare sempre più proficuamente sia con le settantasei Sezioni Provinciali dell’Associazione, sia con le tante altre organizzazioni con le quali sono stati instaurate in questi anni positive intese. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo