Mobilità e disabilità: come creare un sistema efficace?

Si chiama così la tavola rotonda in programma il 14 giugno ad Aosta, dedicata appunto alla mobilità delle persone con disabilità, con la quale proseguirà il percorso del Progetto “A difesa dei diritti”, che vede in questi mesi la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) impegnata nella promozione e nel sostegno delle varie organizzazioni territoriali

Pupazzetti che rappresentano il trasporto e la mobilità delle persone con disabilitàProseguirà venerdì 14 giugno ad Aosta (Sala Conferenze del CSV, Via Xavier de Maistre, 19, ore 14.30), con la tavola rotonda denominata Mobilità e disabilità. Come creare un sistema efficace?, il percorso del progetto della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) A difesa dei diritti: interventi di sostegno delle capacità di tutela dei diritti delle associazioni delle persone con disabilità, che vede in questi mesi la Federazione impegnata nella promozione e nel sostegno delle varie organizzazioni territoriali, vale a dire laddove le persone vivono e la difesa e la promozione dei diritti si fa ogni giorno più necessaria.
A collaborare all’allestimento dell’incontro, sono state il locale CSV (Centro di Servizio per il Volontariato) e il CoDiVdA (Coordinamento Disabilità Valle d’Aosta), organizzazione essa stessa aderente alla FISH, che raggruppa nove associazioni di volontariato impegnate sul territorio in ambito di disabilità.

Ad aprire gli interventi sarà Corrado Adamo, presidente del CoDiVdA (Presentazione della video inchiesta: “Guarda con me”, realizzata con la collaborazione della RAI – Sede Regionale della Valle d’Aosta), seguito da Doranna Moretto dell’Ufficio Trasporto Disabili dell’Assessorato Regionale al Turismo, allo Sport, al Commercio e ai Trasporti (Il servizio dedicato alle persone con disabilità: situazione attuale e prospettive), Gianni Nuti, dirigente regionale per le Politiche Sociali (L’accessibilità come elemento di connessione nel territorio), Mirko Daynè, dirigente della SVAP (Società Valdostana Autoservizi Pubblici) (Il ruolo del privato nella gestione del servizio pubblico per le persone con disabilità), Anna Maria Minuzzo, rappresentante dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e aderente al CoDiVdA (Volontariato e risposte alla comunità: la nascita di una nuova opportunità) e Pietro Barbieri, presidente nazionale della FISH (Discriminazione e mobilità). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: codivda@libero.it.

Stampa questo articolo