Una stampante braille, per parlare di cultura accessibile

La presentazione, infatti, di un servizio assai utile ai non vedenti e agli ipovedenti – una stampante braille, appunto – coinciderà con una tavola rotonda sull’accesso alla cultura per tutti, oltreché con la presentazione di “Qui le domande le faccio io”, libro di Luisa Bartolucci, componente della Direzione Nazionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti). Il tutto accadrà il 21 giugno a San Giorgio a Cremano (Napoli)

Stampante braille

Stampante braille

Una stampante braille, acquistata alcuni anni fa dall’Amministrazione Comunale di San Giorgio a Cremano (Napoli) e finora assai poco utilizzata, consentirà d’ora in poi di usufruirne gratuitamente (iscrivendosi alla Biblioteca Comunale) agli utenti non vedenti e ipovedenti che ne faranno richiesta.
Il nuovo utile servizio – promosso dall’Assessorato Comunale alle Politiche Giovanili, alle Pari Opportunità e alla Biblioteca – è stato proposto dalla rappresentanza per i Comuni di Portici e San Giorgio a Cremano dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e verrà organizzato e curato in collaborazione con l’Associazione Lineadarco, che supporta il Comune nella gestione dei servizi bibliotecari.

La presentazione ufficiale è in programma per venerdì 21 giugno (Biblioteca Comunale, ore 18) e sarà anche un’occasione propizia per parlare di accesso alla cultura per tutti, durante una tavola rotonda cui parteciperanno Giorgio Zinno e Michele Carbone, rispettivamente vicesindaco e assessore di San Giorgio a Cremano, Gaetano Cimmino e Mario Mirabile dell’UICI, Camillo Galluccio, presidente dell’ENS Campania (Ente Nazionale dei Sordi) e Rosa Zingone della locale Associazione D.S.A.-Dislessia, un limite da superare.
L’incontro sarà moderato da Oriana Russo, responsabile per Lineadarco dei servizi bibliotecari e al termine di esso è prevista anche la presentazione del libro Qui le domande le faccio io di Luisa Bartolucci, componente della Direzione Nazionale dell’UICI, edito attraverso il circuito de «L’Espresso» e distribuito anche in formato accessibile digitale e sonoro dal Centro Nazionale del Libro Parlato dell’UICI stessa.
Si tratta di una raccolta di interviste e articoli apparsi su diverse testate giornalistiche, attraverso la quale diversi temi – dalla minorazione visiva all’attenzione al mondo femminile, dalla politica alla cultura, intesa come sostanza irrinunciabile del vivere quotidiano – vengono affrontati in un costante dialogo con molteplici personalità del panorama italiano, tra i quali Dacia Maraini, Luigi Magni, Carlo Verdone, Lucio Dalla, Francesco Guccini, Mario Biondi, Eugenio Finardi e molti altri.
Il ricavato della vendita del libro, va infine ricordato, servirà proprio per finanziare il Servizio del Libro Parlato, che attualmente in Campania, ad esempio, non è attivo per mancanza di fondi. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Mario Mirabile (mariomirabile@alice.it).

Stampa questo articolo