Malattie neuromuscolari: la centralità dell’uomo

Sarà questo il tema fondamentale intorno al quale ruoterà il convegno in programma per il 31 agosto a Spoleto (Perugia), dove si affronterà ampiamente la materia, sia dal punto di vista medico-scientifico che più strettamente sociale. L’incontro è organizzato dall’Associazione Pro Loco di Spoleto Antonio Busetti e dall’Associazione RuotaAbile

Bimbo affetto da distrofia di Duchenne, con la madre

Un bimbo affetto da distrofia muscolare di Duchenne, con la madre

È organizzato dall’Associazione Pro Loco di Spoleto Antonio Busetti e dall’Associazione RuotaAbile il convegno in programma per sabato 31 agosto a Spoleto (Perugia) (Hotel Albornoz, ore 17), sul tema Distrofie, atrofie e malattie neuromuscolari genetiche. La centralità dell’uomo, durante il quale si spazierà sia sugli aspetti medico-scientifici che sociali, inerenti la materia.

All’incontro interverranno Marcello Villanova dell’Ospedale Nigrisoli di Bologna (Malattie neuromuscolari: dal gene al paziente), Simonetta Antinarelli, direttore dei Servizi Territoriali (La presa in carico di un paziente complesso), Giorgio Raffaelli, vicepresidente della Cooperativa Sociale Il Cerchio di Spoleto (Tutte le cose per tutte le persone), Lara Bondi e Luca Rambado, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione RuotaAbile (RuotaAbile ONLUS – mission e breve storia dell’Associazione e RuotaAbile ONLUS – progetti per il futuro), Juri Cerasini, assessore del Comune di Spoleto alla Pianificazione Urbanistica, al Paesaggio e alla Qualità (Abbattere le barriere: una strada in salita) e Valerio Di Carlo, presidente della Fondazione Giulio Loreti ONLUS (Fondazione Giulio Loreti ONLUS: Medicina per l’Uomo).
Le conclusioni del dibattito – moderato dalla giornalista Rosanna Mazzoni – saranno affidate a Marcello Villanova. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Isabella Caporaletti (RuotaAbile Umbria), isabella.caporaletti@gmail.com.

Stampa questo articolo