Serve un forte investimento nelle politiche di welfare

E anche «un profondo cambiamento di prospettiva nelle relazioni istituzionali con il Terzo Settore», come ha sottolineato Pietro Barbieri, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, in un incontro con il presidente del Consiglio Enrico Letta. Coesione sociale, sviluppo sostenibile, sostegno all’azione del Terzo Settore, sedi stabili di confronto con le parti sociali, tra i temi prioritari portati dal Forum

Enrico Letta

Il presidente del Consiglio Enrico Letta

Coesione sociale, sviluppo sostenibile, economia civile, sostegno all’azione del Terzo Settore italiano, istituzione di sedi stabili di confronto con le parti sociali: sono questi i temi prioritari che il Forum Nazionale del Terzo Settore ha portato sul tavolo del Governo, in un incontro svoltosi a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Enrico Letta.
«Il premier Letta – dichiara Pietro Barbieri , portavoce del Forum del Terzo Settore -, che segue la situazione di difficoltà del Paese in specie per quanto attiene la sempre più fragile coesione sociale, che vede il Terzo Settore tra i suoi protagonisti, ha ascoltato con interesse le nostre istanze su povertà, occupazione, fondi alle misure di politiche sociali e alla cooperazione internazionale, 5 per mille e Servizio Civile. Ha manifestato quindi il proprio impegno per valutare e garantire che siano messe in atto le azioni necessarie atte a superare gli attacchi al welfare e al Terzo Settore, in particolare per quanto attiene l’aumento dell’IVA alle Cooperative Sociali, nonché il tema IMU ed enti non commerciali».

L’incontro è stato definito da Letta come preparatorio a una riunione con i Ministri competenti, circa la prossima Legge di Stabilità, da realizzarsi entro i primi dieci giorni di settembre. «Si è trattato di un incontro cordiale – prosegue Barbieri – teso in particolare alla creazione di un Tavolo di confronto istituzionale con la Presidenza del Consiglio, che sappia affrontare le tante tematiche oggetto del Terzo Settore e che riesca anche a colmare il vuoto lasciato dall’improvvida soppressione dell’Agenzia del Terzo Settore».
«Ci attendiamo quindi – conclude il Portavoce del Forum – che questo Tavolo venga prontamente convocato e che finalmente porti a qualche concreto risultato. Tutto questo, però, dev’essere accompagnato da un profondo cambiamento di prospettiva nelle relazioni istituzionali con il Terzo Settore e da un forte investimento nelle politiche di welfare e di cittadinanza». (A.M.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@forumterzosettore.it.

Stampa questo articolo