Affetti Collaterali: cultura, divertimento e integrazione

Attiva infatti da circa quindici anni sul territorio di Torino, con la sua nota compagnia teatrale e non solo, l’Associazione di Promozione Sociale Affetti Collaterali continua a proporre laboratori, spettacoli e iniziative, con cui diffondere cultura e divertimento, dando al tempo stesso un forte esempio di integrazione

Manifesto di "Affetti Collaterali", per la stagione 2013-2014Presente ormai da circa quindici anni nel territorio di Torino, con la propria compagnia teatrale e non solo, l’Associazione di Promozione Sociale Affetti Collaterali sta per ripartire con le sue numerose attività, grazie all’importante collaborazione con la Circoscrizione 8 della Città di Torino, con l’APRI (Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti) e con il Progetto Motore di Ricerca: Comunità Attiva, nato nel 2001 nel capoluogo piemontese.

Anche per questa stagione, dunque, molteplici saranno le tipologie e le possibilità di laboratori e spettacoli, dal teatro (recitazione di primo, secondo e terzo livello; dizione ed espressione corporea; gioca-teatro per bambini; improvvisazione) ai laboratori di integrazione per persone con disabilità e “normodotate”, fino alla musicoterapia per bambini non vedenti e altro ancora. Tutte attività, queste, coordinate dall’attrice, doppiatrice e insegnante di recitazione Silvia Amoretti, presidente dell’Associazione e dalla responsabile artistica Carlotta Bisio, che si augurano anche quest’anno «di poter contare su numerosi ed entusiasti partecipanti, con i quali poter diffondere cultura e divertimento, nonché dare un forte esempio di integrazione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@affetticollaterali.it.

Stampa questo articolo