Un corso di alta formazione in sottotitolazione

È quello che partirà in ottobre, a cura dell’Istituto Statale dei Sordi di Roma, in collaborazione con l’Associazione CulturAbile e con alcune aziende del settore, con l’obiettivo di trasferire le competenze e le conoscenze necessarie per lavorare nel campo della sottotitolazione per persone sorde, tramite un vero e proprio lavoro di applicazione e sperimentazione, che coinvolgerà direttamente le stesse persone sorde

Utilizzazione di software specifico per la sottotitolazione

Utilizzazione di software specifico per la sottotitolazione

Sono aperte fino al 16 settembre, salvo successive proroghe, le iscrizioni al Corso di alta formazione in sottotitolazione, voluto e promosso presso la propria sede dall’Istituto Statale per Sordi (ISSR) di Roma, con il suo Centro di Documentazione e Laboratorio Mediavideo, in collaborazione con l’Associazione CulturAbile – da tempo impegnata in tali àmbiti – e con altre aziende del settore.
Si tratta in sostanza di un percorso di formazione specialistico e professionalizzante, rivolto a studenti, neofiti e professionisti, con l’obiettivo di trasferire le competenze e le conoscenze necessarie per lavorare nel campo della sottotitolazione per persone sorde, tramite un vero e proprio lavoro di applicazione e sperimentazione, che coinvolgerà direttamente per la prima volta anche chi dei sottotitoli ha realmente bisogno ogni giorno, vale a dire le stesse persone sorde.

L’iniziativa prevede due specializzazioni (frequentabili anche indipendentemente l’una dall’altra), ovvero la sottotitolazione in pre-registrato e quella in tempo reale (o respeaking). «Ogni percorso – spiega Francesca Di Meo, coordinatrice del Corso per l’ISSR – è stato strutturato pensando a chi studia, lavora o risiede fuori Roma con lezioni in aula (solo al venerdì e al sabato) e on-line, grazie all’utilizzo di una specifica piattaforma di e-learning. In un momento in cui il mercato chiede figure professionali sempre più specializzate e pullula l’offerta formativa di proposte spesso disancorate dal mercato o ancora troppo teoriche, questa iniziativa intende fornire una prospettiva teorico-pratica sulla sottotitolazione, con una preparazione adeguata ad esercitare la professione del sottotitolatore principalmente nei seguenti àmbiti: TV, home video, cinema, teatro, festival ed eventi live». «Attualmente – conclude Di Meo – il corso è rivolto a un target udente e tuttavia è già in progetto la realizzazione di un’offerta formativa pensata appositamente per le persone sorde, particolarmente utile per la sottotitolazione dalle lingue dei segni alla lingua scritta».

Durante il percorso, va detto, gli iscritti potranno imparare a utilizzare i software di sottotitolazione più diffusi tra le maggiori aziende del settore, confrontandosi con diversi generi, dal documentario al cortometraggio, dai film di animazione ai TG, dalla sovratitolazione a teatro agli eventi live, oltre a ricevere una solida formazione nel campo della sordità.
«Proprio in questo senso – sottolinea Vera Arma, presidente di CulturAbile e docente del Corso insieme ad altri professionisti – il lavoro di sottotitolazione, e in particolare della sottotitolazione per le persone sorde, richiede competenze specifiche per ogni genere, che spesso vanno al di là della pura e “semplice” conoscenza delle convenzioni e delle regole. È richiesta, infatti, flessibilità e comprensione delle dinamiche e delle esigenze dei fruitori finali. Pertanto, tale iniziativa costituisce un esempio unico e originale in Italia, perché promosso da una realtà come l’Istituto Statale per Sordi di Roma, che da sempre eroga formazione a stretto contatto con le persone sorde, una struttura che può contare su uno staff di tecnici e di esperti, con grande propensione alla sperimentazione, una “fucina di idee” e di progetti, dal Festival del Cinema Sordo alla collaborazione con Europeana [Biblioteca Digitale Europea, N.d.R.] e con la Compagnia Fo-Rame, solo per citarne alcuni. Al tempo stesso, fin da questa prima edizione, è arrivato anche il supporto e la collaborazione delle maggiori società del settore, che accoglieranno gli iscritti per opportunità di stage e di lavoro». (S.B.)

Il Corso prenderà il via nel prossimo mese di ottobre e, come detto, le iscrizioni sono aperte fino al 16 settembre, salvo successive proroghe. Per informazioni e approfondimenti: corsosottotitoli@issr.it, culturabile@gmail.com.

Stampa questo articolo