Aggiungi un posto a tavola

Costruire e promuovere un percorso conoscitivo per gli operatori del comparto ristorativo piemontese e stabilire degli standard minimi di accessibilità, incrementando il più possibile le strutture ristorative in grado di accogliere e prestare i propri servizi a persone con le più svariate esigenze: è questo lo scopo del progetto torinese “Aggiungi un posto a tavola”, che verrà presentato il 24 settembre nel capoluogo piemontese

Sala ristoranteVerrà presentato martedì 24 settembre a Torino (Salone Massena, sede ASCOM, Via Mssena, 20, ore 16-18), nel corso di uno specifico seminario (denominato Accessibilità e accoglienza nei pubblici esercizi delle persone con esigenze particolari), il Progetto Aggiungi un posto a tavola, frutto di un’idea congiunta dell’ISITT (Istituto Italiano per il Turismo per Tutti), dell’ASCOM-Confcommercio di Torino e Provincia e dell’EPAT (Esercizi Pubblici Associati di Torino e Provincia), in collaborazione anche con la CPD (Consulta per le Persone in Difficoltà) e Federalberghi del capoluogo piemontese.

«L’iniziativa – spiegano i promotori – si propone di costruire e promuovere un percorso conoscitivo per gli operatori del comparto ristorativo piemontese (cuochi e personale della cucina; camerieri, baristi, sommelier e operatori di sala; gestori, direttori e responsabili di servizi di ristorazione) e di stabilire degli standard minimi di accessibilità, al fine di raggiungere livelli di accoglienza adeguata e organizzata, incrementando il più possibile il numero delle strutture ristorative piemontesi in grado di accogliere e di prestare i propri servizi a persone con le più svariate esigenze. Lo scopo, pertanto, è quello di coniugare l’alto livello di qualità dell’enogastronomia piemontese con un adeguato grado di accessibilità e varietà dell’offerta ristorativa».

Dopo il seminario di presentazione del 24 settembre – cui parteciperanno Maria Luisa Coppa, presidente dell’ASCOM-Confcommercio di Torino e Provincia, Carlo Nebiolo, presidente dell’Organizzazione dei Pubblici Esercizi aderente alla stessa ASCOM Provinciale, Paolo Osiride Ferrero, presidente della CPD, Eugenia Monzeglio e Nadia Bravo, rispettivamente presidente e segretario dell’ISITT, Alessandro Redavide, coordinatore di Turismabile, servizio della Regione Piemonte e Claudio Ferraro, direttore dell’EPAT – il progetto prevede un percorso per il potenziamento delle competenze nel campo dell’accessibilità e dell’accoglienza, condotto con le modalità della formazione a distanza. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@isitt.it.

Stampa questo articolo